lunedì 15 marzo 2010

Votare... oh, oh!...

"L'ossessione per la televisione", titola questa mattina su Repubblica il suo pezzo Curzio Maltese. Dove si parla di Berlusconi che si sbatte dalla mattina alla sera, tralasciando di pensare ai problemi del paese che ama - ma questo si sapeva, per controllare che non scappi un venticello a lui contrario dagli schermi televisivi. E perchè? Perchè le televisioni contano, eccome se contano e come la serva servono, come ben sa lui che di televisioni e propaganda se ne intende. Anzi, forse è l'unica cosa di cui si intende davvero, a parte la Teoria della Menzogna di cui è gran maestro supremo e cintura nera.

Già, che la televisione possa influenzare l'opinione dell'elettorato di paranza si, ma purtroppo più numeroso, con la conseguenza di mandare un potenziale dittatore al governo, andatelo a dire alla cosiddetta "opposizione" del piddì che dice sempre "ci arriviamo" quando le ricordano la sconcezza del mancato argine legislativo al mostruoso conflitto di interessi di Berlusconi.
Gli inetti del piddì hanno governato ben due volte negli ultimi anni e se siamo giunti a questo livello di oscenità mediatica à la Dimezzolini e di corruzione di ogni organo di controllo democratico del pluralismo è solo colpa loro. Si perchè almeno quando salì al trono Prodi l'ultima volta, seppure a spinte, la allora dirigenza RAI nominata in precedenza da Berlusconi affinchè presidiasse il fortino del servizio pubblico con il coltello tra i denti avrebbero potuto cacciarla a calci in culo, con la scusa che era cambiato il governo e quindi gli equilibri politici. Invece no. Misero il descamisado Riotta al TG1 a far finta di parteggiare per la sinistra. Uno che il primo giorno da direttore esordì con un'intervista a pelle di leone a Henry Kissinger, figuriamoci, e continuò dicendo male del governo un giorno si e l'altro pure, per far vedere quanto era libero di criticare il governo. Per buon peso, ai piani alti della RAI, i piddini lasciarono tutti B-Men di provata fedeltà al padrone.

Scusate se insisto ma la chiave dell'attuale porcaio sta tutta nel "Berlusconi lo sa fin dal '94 che non gli avremmo toccato le televisioni." Bisogna continuare a citofonare Violante e Fassino, a scampanellare ben bene la nostra indignazione. Credo, tra l'altro, sia l'unica promessa mantenuta dalla classe politica italiana in duemila anni.
Vergogna, vergogna, vergogna. Collaborazionisti, come ho titolato il box qui a fianco ad imperitura memoria con il filmato che ogni elettore democratico dovrebbe portare sul telefonino nel caso avesse bisogno di liberarsi lo stomaco.

Non paghi di aver lasciato che il fiume berlusconiano tracimasse ed inondasse ogni mezzo di informazione con il suo putridume di corruttela, prostituzione e lenocinio, mettendo a repentaglio una cosuccia come la nostra sudata democrazia, conquistata anche grazie al sangue dei loro genitori, i figli degeneri ora hanno il coraggio di venirci a chiedere un voto alle regionali.
E' partito il solito ricatto. Non vorrete mica far vincere Berlusconi? Bisogna andare a votare. Sottotitolo: per noi che siamo l'Opposizione. Ma davvero?

Trovo sconcertante, sinceramente, che gli elettori del PD non provino la mia stessa indignazione per la mancata soluzione del conflitto di interessi da attribuire alla loro incapace classe dirigente, la stessa voglia di bastonarli ben bene da Bersani in giù. Che si prestino a far finta di niente, come se non fosse anche loro la colpa del dilagare di questo fascismo catodico di merda.

Poche ciance. Io il mio voto a questi disgraziati del PD non lo do più. Neanche morta. Possono piangere in cinese, come diceva la mia nonna.
Dicono che si tratta di elezioni regionali e non di politica nazionale. Certo, verissimo, ma chi è che tiene in ostaggio l'Italia tenendole un coltello alla gola, e considera ogni giorno un test del tipo vita o morte sul suo potere personale? E chi è che gli regge il sacco da oltre dieci anni, che gli ha permesso di sequestrare la politica a suo vantaggio, votandogli tutte le leggi ad personam e partecipando vergognosamente al banchetto della politica pappona? E' Berlusconi che non ci permette di parlare d'altro che di sé e chi doveva arginare la sua follia sta lì a pettinar bambole in attesa non si sa di cosa. Di un fulmine che dal Cielo risolva il problema?

Continuo a pensare che votare si debba, se non altro per non far rivoltare nelle tombe quelli di cui sopra che lottarono e dettero la vita per restituire a noi teledecerebrati la Libertà. Votare è un diritto ma soprattutto un dovere. Quindi?
Votare scheda bianca è pericoloso perchè, è già successo, con le schede bianche si possono fare dei giochetti come farle sparire. Votare scheda nulla impedisce i giochetti ma è solo un atto di pura protesta fine a sé stessa.
Si può votare solo chi si oppone, restituendo senso a questo verbo, a questo regime. Mi dispiace se si chiama Di Pietro, Grillo o Pinco Pallino e a qualcuno brucerà che non siano i "grigi compagni del PCI" come diceva Gaber.
Io so chi non devo votare: l'invasore e i suoi collaborazionisti. Così è se vi pare.

15 commenti:

  1. Io so chi non devo votare: l'invasore e i suoi collaborazionisti

    Siamo in due.
    Pensa che questa volta (e non accadeva da oltre 10 anni), come Attila, dalle pianure magiare calero' in Italia per dare il mio voto contro un Impero ormai pronto al collasso.

    RispondiElimina
  2. Cara amica Lameduck,

    personalmente alle prossime elezioni ho deciso che non andrò a votare. Detesto la sinistra, ma questa destra ultimamente ha mostrato un'arroganza e una strafotenza intollerabili.

    Quanto alle televisioni io ho votato il nanetto eppure quardo pochissimo le televisioni e leggo da sempre la Repubblica e l'Espresso.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  3. Anonimo21:37

    Cara Paperella,
    io non posso votare per le regionali, data la distanza, ma ti assicuro che, se votassi - e comunque succedera` alle prossime elezioni politiche - voterei esattamente come te: non accettero` piu` di chiudermi il naso (cavolo! la puzza si sente fino in Australia!) e di votare i "meno peggio".
    Mi fa schifo che gente come violante (e molti altri), ancora sieda in parlamento, dalla parte della sinistra (sic!).
    Come te, io non dimentico e non sono piu1 disposta a soprassedere.
    Quello che ha fatto l'ex pc al popolo italiano e` imperdonabile.
    Ciao
    Roberta da Sydney

    RispondiElimina
  4. Anch’io vivo troppo lontano, dall’altra parte dell’oceano, niente Regionali per me. Ma alla prossime politiche si che voterò, e per votare userò uno di quei test che girano nel web nei periodi elettorali: venti risposte e appare il tuo puntino rosso personale nel grafico: voterò il partito più vicino.
    L’altra volta ho votato PD e il puntino rosso era vicino a “Per il bene Comune”, che non so neppure cosa sia, ma alle prossime elezioni “Per il bene Comune” - o chi altri per lui - sarà.

    @Roberta. Ma in spiaggia a Bondi ci vai? O ti prende il disgusto a nominarla vista l’esistenza di tanto glorioso omonimo.

    RispondiElimina
  5. Ciao Lame,
    apprezziamo del tutto lo spirito.Noi stessi ad Altromedia ci siamo dichiarati apertamente (indicando quello che ci sembra il meno peggio attuale,de gustibus..)e reputiamo comunque positivo ogni pronunciamento della bloggheria in generale.Adesso non ci sembra un momento dove siano praticabili tentennamenti ed ambiguità ,ciao.

    RispondiElimina
  6. son propenso a pensare che la domenica del voto dovremmo armarci anche noi di carriole,come sono costretti gli aquilani,ma solo per portare letame da versare in quella cloaca che e' diventato il parlamento italiano.pero' so per certo che cosi' facendo si farebbe l'ennesimo favore al minidespota,percui andro' a votare.
    sono ancora indeciso,ma un partitucolo lo trovero',il fatto e' che non riesco a staccarmi dal rosso anche se all'osso ;-)

    RispondiElimina
  7. Anonimo08:21

    Padoa Schioppa, ministro finanze ultimo governo Prodi, cercò più volte di cacciare dal CdA della RAI il consigliere Petroni, nominato da Tremonti poco prima delle elezioni 2006. I vari TAR o Consigli di Stato diedero sempre ragione a Petroni e torto al governo.
    Berlusconi, più spiccio, appena varato un suo governo (non ricordo quale) mise tra i primi provvedimenti presi una legge ad hoc per liquidare l'intero CdA Rai. Era a maggioranza CSX e lui risolse la faccenda così, pochissimi giorni dopo essere diventato primo ministro.
    In definitiva, Prodi, che voleva seguire la procedura standard di questi casi, si trovò a governare (?) per due anni con le TV contro.
    A.B.

    RispondiElimina
  8. orgoglioso, per i motivi che dici tu, di non averlo mai votato, il partito bestemmia. Fortunatamente vivo in una regione in cui sono certo che il mio voto che credo simile a quello di rossoallosso non andrà disperso. Diciamo che è bene che i piddini toscani sentano il fiato sul collo di forze dichiaratamente contrarie agli inciuci sui megaappalti e alla privatizzazione dell'acqua.
    Ecco, tra i tanti danni che il nano,con la complicità di una classe politica collusa e impresentabile al 90 per cento, sta facendo c'è anche l'oscuramento di temi come la gestione della sanità, la tutela dell'ambiente e dei beni pubblici. Temi in cui le regioni hanno grandi competenze.
    Ma sono d'accordo che ora è innanzitutto necessario battere il padrone di Minzolini per poter tornare a parlare di problemi seri. Mi permetto un appello a perdere un po' di tempo per studiar bene la situazione della propria regione per non sprecare il proprio voto.

    RispondiElimina
  9. Anonimo10:54

    @ Salazar: No non vado a Bondi Beach, perche` e` una spiaggia troppo affollata e adatta per il surf. Inoltre il parcheggio costa una cifra, per cui io vado in spiagge piu` tranquille e leggermente piu` selvagge nei parchi nazionali, specie nelle baie, dove il mare e` piu` calmo e si puo` nuotare.
    Bondi si pronuncia Bondai, per cui non mi ricorda il lecchino distruttorere dei beni culturali.
    Qui ci sono decine e decine di spiagge anche molto piu` belle di Bondai, per cui abbiamo ampia scelta.
    E tu, in Brasile, dove vai al mare?
    Ciao
    Roberta da Sydney

    RispondiElimina
  10. Mettetevi nei miei panni: abito a Torino, dovrei lasciare via libera al leghista Cota? Per l'amor di Dio, rabbrividisco alla sola idea.
    Voterò, come sempre, l'astensionismo non mi ha mai convinta e penso, del resto, che non ce lo possiamo permettere.

    Molto apprezzabile, in ogni caso, l'intervento di Davide. Perchè il concetto che esprime è lo stesso che sento ripetere da colleghi ed amici di destra: non me la sento di svoltare a sinistra, ma questa destra è inaccettabile.
    Forse perchè, come non mi stanco di ripetere, NON E' DESTRA, fazione politica che non è la mia ma del tutto rispettabile.
    E' un indigeribile pastrocchio di affarismo, clericalismo di pura facciata, protervia ed arroganza.
    Forse è arrivato, anche per i più convinti, il momento di riconoscerlo.

    RispondiElimina
  11. Cara amica Bea,

    "Molto apprezzabile, in ogni caso, l'intervento di Davide. Perchè il concetto che esprime è lo stesso che sento ripetere da colleghi ed amici di destra: non me la sento di svoltare a sinistra, ma questa destra è inaccettabile."

    Grazie.

    Credo che ormai Berlusconi sia solo un problema per il centro destra.

    L'ideale sarebbe che se ne andasse in pensione (i soldi non gli mancano) e lasciasse il posto a Fini.

    Personalmente più che Fini preferirei che fosse Casini il nuovo capo del centro destra.

    Comunque sono tutti discorsi inutili perchè Silvio è convinto di essere assolutamente insostituibile.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  12. @Roberta
    After De Magistris's "shut up servant" you can go there. At Bondi.
    Scherzo, ma che ci sia finalmente qualcuno che da del servo al servo è una soddisfazione.
    In spiaggia vado qui.

    RispondiElimina
  13. Adetrax22:21

    Berlusconi lo sa fin dal '94 che non gli avremmo toccato le televisioni.

    Bisogna precisare che l'anomalia dell'affermazione è proprio relativa all'anno 1994, perchè il relativo referendum fu fatto solo nel 1995.

    In breve si ha la sensazione che anche se il referendum fosse stato a sfavore di Mediaset, avrebbero trovato qualche trucco per aggirare di fatto la decisione popolare (magari non subito, ma nel giro di qualche anno si).

    Insomma la volontà di non "andare contro" è sempre stata abbastanza evidente, purtroppo solo a distanza di molti anni questa volontà è diventata totalmente "visibile" ed è stata accettata come "unica spiegazione possibile".

    Bisogna dire comunque che l'atteggiamento pragmatico del "se vogliono lui, se lo tengano pure così noi siamo ancora più felici" è sempre stato un po' sospetto; gli unici momenti di stizza verso S.B. si sono infatti verificati solo durante certe trasmissioni televisive pre-elettorali (dopotutto c'era la cuccagna in palio) che ora sono state "opportunamente" vietate in quanto "pollai inconcludenti".

    Ah, quanto costano questi fratelli d'Italia ...

    RispondiElimina
  14. BerlusKei11:37

    BerlusKei hat immer Recht (capito comunisti?)

    Er hat uns alles gegeben
    Sonne und Wind und Er geizte nie
    Wo Er war, war das Leben
    was wir sind, sind wir durch ihn
    Er hat uns niemals verlassen
    Fror auch die Welt- uns war warm
    Uns schützt die Mutter der Massen
    Uns trägt der mächtige Arm

    BerlusKei, BerlusKei, der hat immer Recht
    und Genossen, es bleibe dabei
    denn wer kämpft für das Recht, der hat immer Recht
    Gegen Lüge und Ausbeuterei

    Wer das Glücke beleidigt ist dumm oder schlecht,
    Wer die Menscheit verteidigt hat immer Recht

    So aus Bettino'schem Geist wächst von Kuppel geschweisst: BerlusKei, BerlusKei, BerlusKei

    Er hat uns niemals geschmeichelt
    sank uns im Kampfe auch mal der Mut
    hat er uns leis nur gestreichelt:
    "Zagt nicht" und gleich war uns gut
    Zählt denn auch Schmerz und Beschwerde
    wenn uns das Gute gelingt?
    Wenn man den Ärmsten der Erde
    Freiheit und Frieden erzwingt

    BerlusKei, BerlusKei, der hat immer Recht
    und Genossen, es bleibe dabei
    denn wer kämpft für das Recht, der hat immer Recht
    Gegen Lüge und Ausbeuterei

    Wer das Glücke beleidigt ist dumm oder schlecht,
    Wer die Menscheit verteidigt hat immer Recht

    So aus Bettino'schem Geist wächst von Kuppel geschweisst: BerlusKei, BerlusKei, BerlusKei

    Er hat uns alles gegeben
    Ziegel zum (Aquila)Bau und den grossen Plan
    Er sprach: "Meistert das Leben,
    Vorwärts Genossen packt an!"
    Hetzen kommunistischen Hyänen zum Kriege,
    bricht euer Bau ihre Macht,
    Zimmert das Haus und die Wiege
    Bauleute seid auf der Wacht

    BerlusKei, BerlusKei, der hat immer Recht
    und Genossen, es bleibe dabei
    denn wer kämpft für das Recht, der hat immer Recht
    Gegen Lüge und Ausbeuterei

    Wer das Glücke beleidigt ist dumm oder schlecht,
    Wer die Menscheit verteidigt hat immer Recht

    So aus Bettino'schem Geist wächst von Kuppel geschweisst: BerlusKei, BerlusKei, BerlusKei
    --------------------------------

    Egli ci ha donato tutto
    il sole il vento e non ce li ha mai lesinati
    dove c’era lui c’era la vita
    ciò che siamo, lo siamo grazie a Lui
    non ci ha mai abbandonati
    gelasse il mondo, noi avremmo il calore
    ci protegge la Madre delle masse
    ci sostiene il braccio potente


    BerlusKei, BerlusKei, Egli ha sempre ragione
    e, compagni, stiamo con Lui
    perché chi combatte per la Giustizia
    quello ha sempre ragione
    contro la menzogna e il profitto

    chi offende la buona sorte è stupido o
    malvagio
    chi difende l’umanità ha sempre ragione

    così cresce dallo spirito di Bettino, reso saldo dalla Cupola: BerlusKei, BerlusKei, BerlusKei

    Lui non ci ha mai lusingati
    nella battaglia sale il coraggio
    ci ha accarezzati delicatamente:
    “non esitate” e subito siamo stati bene
    contano anche il dolore e il malanno
    quando le cose non ci vanno bene?
    quando ai più poveri della terra
    viene strappata la libertà e la pace

    BerlusKei, BerlusKei, Egli ha sempre ragione
    e, compagni, stiamo con Lui
    perché chi combatte per la Giustizia
    quello ha sempre ragione
    contro la menzogna e il profitto

    chi offende la buona sorte è stupido o
    malvagio
    chi difende l’umanità ha sempre ragione

    così cresce dallo spirito di Bettino, reso saldo dalla Cupola: BerlusKei, BerlusKei, BerlusKei

    Egli ci ha donato tutto
    mattoni per le costruzioni (dell’Aquila) e il grande Progetto
    Egli dice: “dominate la vita, affrontatela di petto!”

    date la caccia alle iene comuniste,
    spezzate con la vostra potenza le loro tane
    costruite la casa e la patria
    costruttori, state in guardia

    BerlusKei, BerlusKei, Egli ha sempre ragione
    e, compagni, stiamo con Lui
    perché chi combatte per la Giustizia
    quello ha sempre ragione
    contro la menzogna e il profitto


    chi offende la buona sorte è stupido o
    malvagio
    chi difende l’umanità ha sempre ragione

    così cresce dallo spirito di Bettino, reso saldo dalla Cupola: BerlusKei, BerlusKei, BerlusKei

    RispondiElimina
  15. davide ha ragione?
    ben arrivato con vent'anni di ritardo!!

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...