lunedì 7 aprile 2008

Il segreto di Dr. House

Ultimamente ci siamo tutti interrogati, sempre per non pensare alle prossime elezioni di domenica, sul segreto del successo dell'irresistibile Dr. House. Io penso di averlo scoperto.

No, non è il meccanismo del transfert o il fascino di Hugh Laurie e nemmeno il taglio particolarmente innovativo della serie.
Dr. House, il personaggio, è uno stronzo di prima categoria, uno che ti dice senza problemi che stai per diventare cliente del beccamorto locale, uno che non vuole sentire lagne dai pazienti e se può li tortura con siringhe e cannule.
Però, e questo è il segreto, è un medico che azzecca la diagnosi. Sempre. Per una che ha scoperto solo dopo quattro anni di aver avuto una meningoencefalite, "che per fortuna era virale e non batterica altrimenti non saresti qui a parlarmene", è una cosa fantastica.
Di fronte a casi sempre più osceni di malasanità, a errori marchiani sempre più frequenti di medici e chirurghi, a malanni che non ti passano nonostante le migliaia di euro spese in medicine e visite, Dr. House ti sembra un miraggio e si fa perdonare tutto, anche la stronzaggine, perchè è un fenomeno, è una risonanza magnetica umana che ti scannerizza con uno sguardo e non sbaglia mai.

E' ovvio che un medico che riesce sempre a fare una diagnosi corretta può essere solo un parto dell'immaginazione. Non è esatto però dire che un medico così non sia mai esistito.
Dr. House in fondo assomiglia al vecchio medico condotto, colui che sapeva far partorire la donna e la vacca e ha permesso a tanti ultranovantenni di invecchiare forti come rocce fino ai giorni nostri.

E' il dono della diagnosi perfetta che ci affascina di House. Se solo potessimo farci visitare da lui, chissà di quali strane sindromi scopriremmo di essere affetti. Partendo dalle nostre mani fredde e da quelle leggerissima e costante ematuria potremmo scoprire, chissà, di non essere uomini ma donne, non donne ma uomini, di avere tre reni, due fegati, un profilo cromosomico aberrato, un fratello gemello nascosto nell'addome (tale da spiegare la nostra tendenza alla pinguedine, per esempio).
Di fronte a qualunque sintomo, anche il più strano, farebbe sembrare il nostro medico di base e perfino il grande luminare dal quale ci facciamo curare invano da anni dei perfetti idioti; scriverebbe una ricettina, ci manderebbe affanculo agitando il bastone e ci cambierebbe la vita da così a così.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

25 commenti:

  1. Perfetto! Il fascino segreto dell'aver sempre ragione! :-D

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo per l'analisi su dr House! Però non è che siano aumentati i casi di malasanità, sono aumentate le denuncie, fomentate da studio aperto e altre cose...Certi episodi tristi sono sicuramente indice di imperizia, di grave disattenzione, di ignoranza, ma tante denuncie ormai sono stupide e pretestuose, sta diventado una giungla totale.

    RispondiElimina
  3. Hai perfettamente ragione! Così ragione che ti linko al mio blog! ;)

    RispondiElimina
  4. ur_ca23:19

    Dr. House in fondo assomiglia al vecchio medico condotto, colui che sapeva far partorire la donna e la vacca e ha permesso a tanti ultranovantenni di invecchiare forti come rocce fino ai giorni nostri.

    Evochi però un dr house che là dove un secolo fa la vita media era quasi la metà di quella attuale, agevolava il frutto della selezione naturale a lunghe sopravvivenze spesso accompagnate da numerosa prole.
    Ora la vita è raddoppiata mediamente non certo perchè si hanno vecchi di 170 anni, ma semplicemente perchè tutti sopravviviamo, e per l'elevata igiene, per l'alta tecnologia d'intervento, per le tecniche radiomediche ecc.
    Questo è bello ma ha un prezzo, la scomparsa dell'eugenetica naturale a favore di quella scientifica che però ci consegna sempre più spesso nelle mani di apprendisti stregoni. Vale a dire di dr House impotenti senza l'ausilio di un galvanometro indicatore di cui spesso non conoscono nemmeno il funzionamento.

    RispondiElimina
  5. Anonimo23:24

    Ma io non direi che dr. House azzecca sempre...o meglio: alla fine ci azzecca, ma se ci fate caso per ogni paziente, nel corso di ogni singolo episodio prima di arrivare alla conclusione, fà 4 o 5 diagnosi sbagliate prescrivendo cure che, di conseguenza, non hanno nulla a che vedere la patologia del paziente in questione...e solo alla fine azzecca.

    RispondiElimina
  6. Anonimo23:30

    ah...per concludere il commento di prima: anche i medici normali, davanti a patologie non sempre comuni ci impiegano un po' di tempo per orientarsi...con la differenza che nella realtà da noi c'è usanza che dopo la prima (massimo la seconda) diagnosi sbagliata scatta la denuncia.

    RispondiElimina
  7. sarà anche per un piccola dose di masochismo che ci accompagna?
    ;-P

    RispondiElimina
  8. Intanto saluto tutti perchè commento per la primissima volta...l'argomento mi incuriosisce e ti dirò che la tua analisi è molto interessante...io la penso come te se non fosse per un piccolo particolare e cioè che nella realtà un dr. House non so se potrebbe esercitare...lui ha sempre ragione perchè puntualmente prova tutte le terapie conosciute prima di arrivare a quella giusta, spesso prescrive esami invasivi e costosi...secondo me durerebbe poco e al primo paziente morto finirebbe su studio aperto come esempio di malasanità...

    RispondiElimina
  9. Anonimo09:38

    mmmm
    io invece proporrei una lettura politica del personaggio...
    cloro

    RispondiElimina
  10. virginie10:34

    per la prima volta non concordo. parlo per me, naturalmente, non per i miei simili, ma, a mio avviso, il Dr. House piace perché è politicamente ultrascorretto: tossico, stronzo, fragile eppure efficace. o forse hai ragione: non è interessante quello che è ma quello che fa. ci rimedito, va.

    RispondiElimina
  11. Anonimo11:43

    In realtà Dottor House potrebbe essere preso dalle facoltà di medicina e chirurgia di tutto il mondo come esempio negativo; i suoi telefilm andrebbero visti per mostrare cosa NON deve fare un medico.
    E non sto parlando di etica, sottolineo... è proprio il suo metodo deduttivo che è sballato. Azzecca la diagnosi solo per la complicità degli sceneggiatori.

    Cachorro Quente

    RispondiElimina
  12. Dr House con i suoi difetti ha appassionato il pubblico più che con i suoi pregi.
    Un dottore dovrebbe essere buono, paziente, disposto ad ascoltare...lui è l'opposto e questo ha fatto la fortuna della serie.

    RispondiElimina
  13. ciao volevo chiederti visti i tuoi crediti su ok notizie se saresti cosi gentile da aprire un gruppo per me? ti lascio la mia mail giannisonottimista@gmail.com ciao!

    RispondiElimina
  14. Anonimo13:17

    io lo trovo diretto, con poche sovrastrutture, non perbenista, non bacchettone, cinico, poco incline alla mediazione, sensibile a modo suo, che va al di là dei comportamenti evidenti nel giudicare, sentire, etc.
    A me piace.
    Laura

    RispondiElimina
  15. virginie13:39

    ho rimeditato: la stronzaggine fa da pendant all'efficacia, si sostengonono a vicenda; cioè: l'una senza l'altra è ininteressante. il dr. House è la dimostrazione virtuale che si può essere scorrettissimi (personalmente il suo cinismo mi strappa franche risate e, almeno per questo, vorrei ringraziare gli sceneggiatori) ed efficaci. posso essere tossico ma questo non mi impedisce di essere il miglior diagnostico dell'ospedale. insomma sono d'accordo con laura (quanto ai medici pazienti, comprensivi di allostatobrodo, ben vengano, a patto che sappiano anche fare il loro mestiere. meglio uno stronzo che mi salva o un angelo che mi ammazza?)

    RispondiElimina
  16. Stò facendo il mio solito giro per salutare gli amici dei mie blog preferiti. Ciao da Maria

    RispondiElimina
  17. Ciao non vorrei essere banale ma complimenti per l'analisi dell'insolito dr House:meglio stronzi che incompetenti!
    ciao
    napoletaniaroma (un nuovo fans)

    RispondiElimina
  18. Per avere una buona diagnosi a volte basterebbe avere un po' di pazienza in più ed ascoltare il paziente!

    RispondiElimina
  19. Non sono così sicura che il fascino sia solo medico.
    Credo sia perchè la sua perizia professionale gli consente il caratteraccio e può sfanculare tutti come gli pare. Credo in molti gli invidiamo questa libertà di parola....

    RispondiElimina
  20. Questa del "meglio stronzi che incompetenti" ricorre spesso in merito al Dr. House. Ma io invece trovo questo personaggio estremamente diseducativo, perché fa passare il messaggio che se sei competente in quello che fai sei autorizzato ad essere arrogante, a fregartene del prossimo, della sua sensibilità, della sua necessità di essere trattato da essere umano. Quasi che quello ad essere curati, e curati bene, non sia un diritto, ma un privilegio per ottenere il quale dovremmo essere disposti a subire qualunque cosa, a farci umiliare e trattare da imbecilli. Perché è questo che implicitamente viene detto a noi futuri pazienti: "sei curato bene? E allora zitto e ingoia". La serie è fatta bene, niente da dire, ma il personaggio è perfettamente in linea con l'odierna ideologia mercantile, in cui conta solo l'efficienza, a scapito di tutto il resto. Io resto dell'idea che si possa essere bravi, capaci, e anche umani e gentili. Questo è il modello a cui cerco di conformarmi nella mia vita lavorativa, anche se non faccio il medico.

    RispondiElimina
  21. @ carmelo
    fascino anche un po' perverso...

    @ sar@
    Mi domando però: è possibile che ciò che di malasanità accade, accada sempre in ospedale? Nelle cliniche private mai niente?

    @ phoebe
    grazie, lasciami il link del tuo blog.

    @ ur_ca
    E' vero, una volta si crepava prima. Però i vecchi di ora, quelli che arrivano oltre i novanta, sono delle rocce che si sono temprate senza vaccini e porcherie.

    @ anonimo
    Per gli episodi che ho visto, erano i suoi dottorini che non capivano un cappero. Poi è arrivato lui, li ha sputtanati e ha fatto la diagnosi giusta.
    E' difficilissimo comunque avere giustizia in caso di errore. I medici si reggono la coda l'uno con l'altro.

    @ loreanne
    probabile...

    @ shaka81
    sempre per quello che ho visto, però, gli altri dottori pensano a malattie comuni: è lui che ha l'intuizione della malattia rara. E di fatti ci azzecca.

    @ cloro
    ho letto ;-)

    @ virginie
    meglio House o un mediconzolo che scambia una meningoencefalite per un'influenza? (E' capitato a me.)

    @ cachorro quente
    ma davvero? Ma allora io non è che ho visto CSI? ;-)

    @ allo stato brodo
    mmmh, un medico deve sapere essere anche stronzo come House se occorre. Mi ricordo l'episodio di quella che non voleva curarsi...

    @ giannisonoottimista
    ???

    @ laura
    ma si va, è un piacione!

    RispondiElimina
  22. @ virginie
    sono d'accordo. Mi ricordo una visita in un centro di Bologna: capitai sotto non uno, ma due House. Minchia, le cose che non hanno detto sul collega che mi aveva cannato la diagnosi!

    @ maria
    ciao, sei carinisssima!

    @ napoletaniaroma
    ehi, ciao! Grazie per essere nuovo!
    Spero di rileggerti nei commenti.

    @ franca
    bisogna anche ricordarsi qualcosa degli esami di Patologia Generale. ;-)

    @ la donna cannone
    oh si, che meraviglia! E' una cosa che gli invidio molto. (Anche se anch'io nel mio piccolo....) ;-)

    @ deserteur
    immaginando un continuum sul quale il Dr. Mengele sta ad un capo e il Dr. Schweitzer all'altro, House e il medico ideale dove li metteresti? ;-)

    @ bruno
    si, interessante simbologia. Sciamanica, direi.

    RispondiElimina
  23. @ Lameduck: primo perchè per i casi più delicati e più difficili si va in ospedale, secondo perchè la tv vuole affossare solo la sanità pubblica, e questo implica il punto terzo, cioè che non fa notizia un errore in ambulatorio, quarto perchè tutti i casi di malasanità in ambulatorio li deve per forza fagocitare striscia la notizia. E quinto perchè in ospedale i ritmi sono frenetici e si fanno molte più ore filate (i chirurghi fanno abitualmente anche 36 ore di fila se ci sono emergenze e interventi programmati lunghi) senza la tutela necessaria. E sesto perchè nel privato i medici prendono almeno 10 volte tanto (il primo contratto di un medico pubblico è 1500 euro scarsi, dall'anno scorso quando hanno cambiato la legge) che nel pubblico, facendosi molto meno "mazzo". Nel privato c'è anche molta meno burocrazia da svolgere, quindi nei 15 minuti di visita si visita e non si compilano ricette e documenti vari.
    Tra l'altro ci sono parenti che denunciano medici perchè genitori di 90 anni sono morti di infarto ad esempio, e questo induce nei medici la prescrizione di un sovraccarico di terapie ed esami non giustificati dall'età e dalle condizioni del paziente solo per la paura di denunce. Questa è proprio barbarie, sia nei confronti del malato che del medico. E aggiungerei che continuando a rendere pubbliche anche denunce totalmente senza senso, non si migliora la malasanità vera e propria perchè un ignorante fancazzista rimane tale, e si angosciano eccessivamente quelli che invece comunque si danno da fare.

    RispondiElimina
  24. nash jrjr23:02

    tutto completamente errato. o meglio, affermazioni corrette,esempio sbagliato.in un periodo in cui tutti siamo bombardati da informazioni di ogni genere,vorremmo somigliare un pò ad House perchè egli sa intuire il particolare che agli altri appare irrilevante tralasciando quell'immensa mole di nozioni inutili. ciò a causa della sindrome di asperger(particolare forma di autismo lieve)che spiega ogni suo comportamento.elogiamo quindi il suo saper discernere tra rilavante o meno più che altro. ed elogiamo un genio di tipo autistico che nella realtà sarebbe un reietto ignorato disprezzato,non un luminare.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...