lunedì 25 maggio 2009

Il Resto del Furbino

Sabato pomeriggio, mentre trovavo ristoro dal sole africano in una gelateria dotata di condizionatore a temperatura da pack antartico, ho dato una scorsa al più venduto giornale locale e mi sono soffermata a leggere un articolo che parlava di un noto stabilimento balneare di Milano Marittima, caduto sotto la lente d'ingrandimento del Fisco per sospetta evasione di 6 milioni di euro.

Fermo restando che tutti sono innocenti fino a prova contraria e fino alla conclusione dell'accertamento, sono rimasta perplessa dal tono dell'articolo, totalmente appecorinato in difesa dei presunti evasori.
Un'arringa in Ghedini mode, stile: "mavalaaaa, ma andiamoooo", come fosse stata scritta direttamente dall'avvocato degli inquisiti. Tutto un "ma quanto sono cattivi gli inquirenti", "gli hanno perfino clonato l'hard disk del computer di casa", "erano bottiglie di vinaccio da supermercato, non di pregiato champagne".

Quando il Fisco si domanda: "Ma questi hanno comperato mille casse di gassosa e non ne hanno più in magazzino, l'avranno venduta, dove sono gli scontrini?", la Gazzetta del Furbetto si straccia le vesti per conto terzi e attacca la tirata contro lo Stato che vuole sono rovinare gli onesti imprenditori, assieme ai giudici rossi, i finanzieri gialli d'invidia e i clienti che sicuramente hanno fatto la spia e non sono figli di Maria. E conclude suggerendo: " Perchè pensar male? E' evidente che 10.000 euro di cocacola se la sono bevuta loro perchè avevano caldo".

Bravo, chi ha scritto il peana in difesa (perchè alla fine l'impressione è quella) dei frodatori di clienti e Fisco, non solo non si sente un po' frodato anche lui visto che, se loro non pagano, a lui come stipendiato tocca comunque, ma probabilmente non si è mai avvicinato al bancone di uno di quegli stabilimenti rivierasco-romagnoli sempre più in stile Billionaire. Quelli che ti fanno pagare tre euro una minerale in bottiglietta da mezzo litro, non ti fanno lo scontrino perchè adesso c'è troppa gente e se provi a farti un cocktail ti ci vuole poi un finanziamento della Comunità Europea.

Davvero, da un anno all'altro scopri che quello che una volta si chiamava "Bagno Marisa" ora si chiama molto più finemente "Mururoa Island", che ha comperato anche gli stabilimenti accanto e che le piscine sono diventate due e mezza (la mezza per i nani e i bambini.)
C'è la palestra con il personal trainer anche personal fucker se càpita (quelli che una volta erano i gloriosi bagnini), l'insalatona in coppetta da macedonia a 10 euro (senza scontrino se non insisti e li minacci con un M16 Viper sotto il mento) e l'euro tondo per la doccia calda; 10 secondi netti e poi fiotto gelido stile carcere turco.
Che non è più il "Bagno Marisa" con le bocce, il jukebox e le cabine con la serratura che non si chiude lo capisci non solo dall'offerta di divertimento da spiaggia ma dall'impressionante assembramento di figa del genere: "la dò ma solo a penemuniti da un certo reddito in su, astenersi cassintegrati perditempo".

Sempre il famigerato Fisco si chiede: "Ma tutti questi soldi come li ha fatti il Bagno Marisa?" E ti parte l'accertamento che si fonda su calcoli molto semplici. Pagare gassosa, vedere scontrino.
Scusate se quando si parla di tasse sembro fissata con l'America e lo Zio Sam ma a me parrebbe quanto meno bizzarro che, per tornare ai giornali che combattono la legalità, il New York Post, per esempio, si lanciasse in una appassionata filippica contro la Guardia di Finanza, l'Agenzia delle Entrate (ben più temibile delle Fiamme Gialle, mi dicono), gli inquirenti, i giudici e in generale chi tenta di far rispettare l'eguaglianza di tutti di fronte ai doveri di cittadino.
Da noi invece è normale. Del resto abbiamo un Piccolo Papi che una volta disse che "evadere humanum est". Un po' si, ma sei milioni di euro a me pare tanto.

OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

29 commenti:

  1. Adetrax22:59

    Sempre il famigerato Fisco si chiede: "Ma tutti questi soldi come li ha fatti il Bagno Marisa"?

    Non è che ha anche un secondo nome nascosto tipo "Bagni Concettina" ?

    Per quanto riguarda la questione del rilascio dello scontrino fiscale al banco, per un periodo (circa 2003-2004) se non ricordo male, in base all'adesione o meno a certi accordi era possibile per l'esercente evitare l'emissione.

    Poi però è tornato tutto come prima e forse anche peggio dal punto di vista delle sanzioni, da almeno 3 anni:

    Quindi, le nuove norme sullo scontrino fiscale sono entrate in vigore il 29 novembre 2006. La sanzione per mancata emissione di ricevute fiscali o scontrini fiscali, è, originariamente, contenuta nell’ articolo 6 del decreto legislativo 471/97.
    ...
    La sanzione non può essere inferiore a 516 euro.
    ...
    Il decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 come modificato dalla legge 24 novembre 2006, n. 286 pubblicata sul supplemento ordinario n. 223/L alla Gazzetta ufficiale n. 277 del 28 novembre 2006, in vigore dal 29 novembre 2006, prevede, quale sanzione accessoria al mancato rilascio di tre scontrini o tre ricevute fiscali nell’arco di cinque anni, la chiusura dell’esercizio.

    Purtroppo per bassi importi è stata depenalizzata la sanzione per il cliente (tutta a carico del venditore).

    A causa del persistere e del dilagare dell'irresponsabile costume di chiudere ambedue gli occhi sul diritto-dovere di richiedere l'emissione dello scontrino non resta che concludere che l'unica soluzione efficace sarebbe quella di elettrificare con taser i clienti sprovvisti di scontrino (ovvero il 95% degli avventori che spesso li buttano direttamente a terra prima di uscire dal locale/negozio o li lasciano sul bancone di vendita).

    Nei casi in cui la fattura non è prevista o è comunque dilazionata rispetto alla consegna del bene o del servizio, lo scontrino è sempre obbligatorio (a parte determinati casi che non includono la vendita al dettaglio).

    Per quanto riguarda i 6 milioni di euro evasi, spero che sia il totale del valore dei beni / servizi comprati e/o venduti in nero e affini nell'arco di più anni.

    Una somma del genere non è difficile da raggiungere in 4-8 anni, specie affittando ombrelloni a parecchie decine di euro al giorno o vendendo bibite a 3 euro l'una senza scontrino e con questo possiamo concludere che molti clienti non hanno difficoltà a meritarsi l'attributo dato da Silvio agli elettori indecisi di 3 anni fa.

    Certo che di controlli in loco da parte di vigili e consimili non se ne vedono più, chissà perchè.

    Immagino anche che con queste arrampicate sugli specchi "Il Resto del Furbino" incrementi le vendite anzichè diminuirle.

    RispondiElimina
  2. Adetrax23:14

    A proposito, dato che nessuno sa nulla (ma la legge non ammette l'ignoranza) al di la del suo interesse immediato, si spererebbe che l'informazione ufficiale, non sempre e necessariamente limitata al "Sole 24 ore", facesse ogni tanto anche un po' di opera di sensibilizzazone e di informazione spicciola per il cittadino medio.

    Ricevuta e scontrino fiscale: soggetti interessati.

    P.S.
    L'articolo ha 3 pagine (in alto a destra c'è l'indice), potrebbe non essere aggiornatissimo ma è un punto di partenza comprensibile.

    RispondiElimina
  3. Adetrax23:38

    Ecco anche una serie di articoli vari sullo scontrino fiscale.

    Si noti in particolare: evasione fiscale: Italia senza eguali ... svettano tassisti, stabilimenti balneari, bar, ecc. ... e chi aveva dubbi in proposito ?

    RispondiElimina
  4. ur_ca_soft00:48

    Le tasse italiane sono sì troppo elevate, ma non più dei paesi nordici.
    Mentre quel che è peggio è che sono forse le più inique tra i paesi evoluti.
    Il che in parte assolve moralmente l'evasore.

    "Pagare le tasse è un dovere dei cittadini, essere oppresi dalle tasse è un sopruso dello Stato !! Per questo "tutti" chi più chi meno, lavoratori dipendenti (doppio o triplo lavoro in nero) e lavoratori autonomi evadono le tasse! Ma anche qui chi è più riccho riesce sempre ad evadere di più !!"

    http://www.topicamente.it/viewtopic.php?f=26&t=2252

    RispondiElimina
  5. In questo post non commento perché non mi sento di avere competenze in campo, anche se il post tratta delle peane alla Ghedini, quindi mi vede d'accordo.
    Volevo far notare ad ur_ca che per la prima volta l'ho ringraziato nello scorso post.

    Ricordo però due post, uno di Travaglio e l'altro di Gomez, in cui si diceva che se le tasse sono alte è appunto per l'immenso sommerso, che se si riuscisse solo a recuperarne il 10% e si cominciasse a tassare di più i finti poveri con lo yacht..
    Domani ritrovo gli articoli, quella dell'oppressione fiscale che autorizza moralmente l'evasione resta comunque la solita balla..

    RispondiElimina
  6. Grazie anche al contributo di Adetrax!

    RispondiElimina
  7. A me alcune volte è capitato in un ipermercato di vedere strani personaggi con i carrelli pieni zeppi, che so, di 50/100 bottiglie dello stesso prodotto, che poi magari viene rivenduto nei nostri bagni! Frequento da sempre la nostra riviera (abito a 20 minuti di auto) e non ho mai sentito un gestore di bagni che non si lamenta!

    RispondiElimina
  8. Anonimo07:47

    Io sono di Cesenatico e di bagni Marisa trasformati in Mururoa ce n'è una sfilza e tutti praticano la rapina a mano armata, senza scontrino, ovvio, salvo piangere miseria tutto l'anno..c'è la crisi, non si guadagna niente..si lavora in perdita.. questa è la litania di tutti i bagnini. Ho un cugino (molto devoto a papi) che ha preso già tre multe (una all'anno)per essere stato beccato a non emettere scontrini e lui se la ride, gli conviene di più pagare la multa che battere scontrini e naturalmente visto che lui è per la "libertà" voterà papi per l'eternità.
    ciao Lame!
    Erne

    RispondiElimina
  9. Anonimo09:12

    Circa 23 anni fa, per necessità, il pediatra mi aveva detto " o sua figlia va al mare o siamo obbligati ad operare" ho iniziato ad andare in Croazia (premetto che non era la stessa di addesso, non c'era niente), ma neanche si spendeva niente............ Da allora ci vado ogni anno (ho fatto amicizia con il signore che ci affitta l'appartamento), lo scontrino lo fanno sempre, e i prezzi sono di molto inferiori...... In 6 persone con 1*,2*, contorno e dolce/caffe abbiamo pagato l'anno scorso 80 euro, per lavoro in 3 persone ci siamo fermati a lignano sabbiadoro, due fritture miste, due contorni, una pizza, 1 litro
    H2O minerale, 1 birra media, 1 gelato e due macchiati li abbiamo pagati 90 euro............
    E tenete presente che in Croazia non ci sono servizi o sono molto limitati, ma tu ti porti l'ombrellone e non paghi............
    Ciao Rita

    RispondiElimina
  10. rossoallosso09:24

    dobbiamo considerarlo grande giornalismo?del resto feltri che e' maestro nel rivoltare i calzini a beneficio del suo padrone viene considerato un grande giornalista.se volessero fare giornalismo vero dovrebbero considerare anche l'altro malcostume tipicamente italiano e cioe' l'arte dello scrocco.certi finanzieri fanno la fila in determinati esercizi commerciali per farsi foraggiare.difficilmente si accontano di un caffe',si parte dalla bottiglia pregiata di vino ai jeans dall'ambulante di turno al pranzo con amici alla lista nozze per la figlia fino ad arrivare alle mazzette.ma per fare questo ci vogliono i coglioni e questi giornalisti di coglioni hanno solo l'aggettivo

    RispondiElimina
  11. Questo articolo mi ha riportato alla mente le delicate parole di grande pensatore, recentemente defunto.

    «Ma evadere le tasse allora, è peccato per un cristiano o no? “No che non lo è. Non infrange nessun precetto. È giusto che la Chiesa inviti a pagare i tributi, ma resta la libertà di arbitrio dei cristiani.
    È il cattolico a dire quant’è giusto, secondo lui, pagare per aiutare la comunità.
    Lo Stato non può imporre niente”».


    Don Gianni Baget Bozzo, La Stampa 02/08/2007

    RispondiElimina
  12. Gianni10:19

    Riflessioni senza ordine sul tema.
    Nocciolo del problema: lealtà tra Stato e cittadini. Chi tradisce lo Stato lo fa perché la “cosa pubblica”, a differenza di quanto viene percepito in altri paesi, non è di tutti, ma è di nessuno. Perché sopportiamo gli sleali? Comportamento omertoso nei loro confronti. L’italiano tollera che l’evasore aggravi lo stato finanziario generale, e quindi anche il suo, perché fondamentalmente anela a fare altrettanto. L’italiano manca di senso sociale.
    A forza di scaricare il peso su sempre meno spalle, non ci sarà più “bene sociale” da ridistribuire. Quello che non sappiamo fare per scelta consapevole, come al solito finiremo per farlo per imposizione autoritaria e/o per necessità. Popolo del cazzo che non si smentisce mai.
    L’impostazione “asociale” è sostenuta istituzionalmente da (esempi a bizzeffe):
    Condoni come strumento ordinario
    Uso massiccio del concordato come accertamento
    Esplosione anziché assorbimento dell’economia nera
    Plateale elusione fiscale da parte di realizzatori di capital gains
    Etc …
    Effetti pratici:
    Cancellazione del concetto stesso di perequazione tributaria dal linguaggio politico.
    Cancellazione del concetto stesso di perequazione sociale da ogni linguaggio.
    Abrogazione di fatto degli articoli 23 e 53 della Costituzione

    Evasione sbandierata come mezzo per farsi giustizia da soli, per esempio per dimostrare malcontento.
    Vedi Lega & C.

    Esempio di chi ci governa

    RispondiElimina
  13. Adetrax13:11

    Si, ma tutto questo succede anche perchè si vuole farlo succedere; quando si creano continue leggi, decreti legge, ecc. che si affastellano uno sull'altro e si devono attendere decenni per un testo unico, come si può pretendere che un cittadino abbia il tempo e la voglia di recuperare tutte le norme legislative che si suppone debba conoscere e rispettare ?

    Infine posso concordare che lo scontrino fiscale è una grandissima rottura di scatole quando si tratta di somme minime, ovvero di qualche decina di centesimi, però altri modi equi per riscuotere sulla vendita al dettaglio non sono facili da mettere in pratica.

    Per quanto riguarda l'evasione fiscale questa aumenta quando il sistema è già corrotto per altri motivi (es. per inefficienze sistemiche, richieste di tributi non dovuti, pizzo, ecc.); come visualizzato dalla curva di Laffer il massimo gettito fiscale si ottiene con una pressione fiscale di circa il 25% - 30%, naturalmente assumendo che tutti paghino quanto dovuto.

    In Italia questo non si può fare senza usare ricondizionamenti mentali di massa e altro ancora, ecco perchè la pressione attuale è spostata verso il 35% - 40% e nonostante questo i conti, ovviamente, non tornano lo stesso.

    RispondiElimina
  14. pisano14:35

    In uno stato dove si pagano tasse anche sui soldi già prelevati dal fisco al momento dell'acquisto (tasse su tasse in alcuni casi perfino tre volte, v. bollette gas enel acqua dove è inclusa l'iva su cui paghi una iva aggiuntiva.)evadere il fisco è un DIRITTO-DOVERE.

    RispondiElimina
  15. Non occorreva che tu ci dicessi che stai dalla parte degli evasori, pisano..

    Grazie ancora ad Adetrax, se possibile e conosci di economia intervieni più spesso!! :D

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Caro Eru,
    non si tratta di stare con gli evasori/elusori fiscali, è solo una semplice questione di equità fiscale, ma forse la Tua giovane età non Ti consente ancora di comprendere la 'rapina' fiscale dello Stato e Te lo dice un dipendente statale che paga più del 38% di tasse ( in certi casi arrivo anche al 44% di rapina) per i suoi miseri emolumenti...
    Quando avrai una famiglia a carico, capirai il mio intervento pro-equità fiscale.
    Ciao :-)
    p.s.- essere il 'Savonarola' di turno è molto facile, difficile è, invece, far quadrare il proprio bilancio: quando saremo considerati cittadini e non sudditi da mungere?

    RispondiElimina
  18. Panty22:33

    Dopo approfonditi studi,Danilo Mainardi ha scoperto perchè i TASSI non possono andare a puttane.

    Perchè si rifiutano di pagare le TASSE.

    RispondiElimina
  19. ur_ca_soft23:00

    Panty ha detto...
    i TASSI non possono andare a puttane. Perchè si rifiutano di pagare le TASSE.

    Andare a puttane mi piaceva molto. Non esisteva l'aids e i rischi erano limitatissimi. Non avevo ancora 18 anni, finito con la morosina la riaccompagnavo a casa e assieme a un mio amico (ora scomparso, purtroppo) andavamo a puttane (che poi erano sempre le solite due che ci piacevano). Allora non si pagavano TASSE. Si pagava e basta. Ora non so!

    RispondiElimina
  20. ur_ca_soft23:12

    @ Panty
    scusa l'ho capita in ritardo heheheh! meglio tardi che mai

    RispondiElimina
  21. Panty23:54

    ur_ca,sei un carabiniere in congedo ?

    Ormai ti sei scoperto,puoi dire la verità.

    RispondiElimina
  22. Panty00:03

    ur_ca,questo piccolo scambio di battute mi ha fatto riflettere.

    TASSE e PUTTANE sono l'argomento migliore per mettere in difficoltà PAPISILVIO e i suoi Sorcinifans.

    RispondiElimina
  23. ur_ca_soft08:24

    Panty ha detto...
    ur_ca,sei un carabiniere in congedo ?

    Hehe. Non ho fatto il militare, ma evidentemente sono un carabiniere mancato!

    Panty ha detto...
    TASSE e PUTTANE sono l'argomento migliore per mettere in difficoltà PAPISILVIO e i suoi Sorcinifans.

    CULI e TRANS sono invece l'argomento per mettere a loro agio i SINISTRATI e i loro trinariciutifans

    RispondiElimina
  24. Francesca08:28

    Ciao Lame!!
    Caro Pisano scommetto che se deve recarsi in un ospedale per qualsiasi motivo ci va' eccome in quello pubblico!!
    In tal caso sarebbe un diritto-dovere non farla entrare oppure farle pagare il servizio a prezzo pieno!!!!
    In quel caso è bello, vero, avere la sanità pubblica pagate dalle tasse!!
    Per il resto, Lame, non succederà nulla come al solito, abboneranno la maggior parte dell'evaso...

    RispondiElimina
  25. Gianni09:03

    Rilevo, ma non mi stupisce affatto, un approfondimento nullo della questione, e un notevole qualunquismo.
    Ribadisco che ciò che non sappiamo (e non vogliamo)fare per scelta consapevole, come al solito finiremo per farlo per imposizione autoritaria e/o per necessità.

    RispondiElimina
  26. pisano14:56

    @ Francesca dice:
    Pisano scommetto che se deve recarsi in un ospedale va' in quello pubblico!!

    Cara Francesca, certo che vado in quello pubblico, se posso. Anche perchè obtorto collo le tasse le debbo pagare. Perche dico così? Perchè il sistema del prelievo fiscale oltre ad essere tra i più cari (ma questo mi starebbe anche bene) è assolutamente iniquo. E questo grazie anche alla gente come te che accetta tutto a 90°. Io no! Se posso mi ribello, almeno a parole ok?

    RispondiElimina
  27. Non si tratta dell'età, vorresti dire che non ho mai lavorato o che non conosca persone che si dannano l'anima con la burocrazia italiana per lavorare fino a maggio-giugno esclusivamente per lo Stato..?

    Ma non sono d'accordo, anzi, ritengo che sia il contrario: se c'è una maggiore pressione fiscale, per nessun motivo questa autorizza ad evadere le tasse, ma ad aumentare i controlli in modo che paghino tutti in base al proprio contributo..

    Questo dovrebbe essere l'articolo..

    http://bananabis.splinder.com/post/20430654

    Leggilo, poi mi dici che ne pensi.
    Non voglio fare il Savonarola, voglio solo imparare. Saremo considerati cittadini quando sapremo far valere i nostri diritti, non evadendo le tasse..

    RispondiElimina
  28. @ Eru
    Sperando sempre che i nostri politici non continuino ad 'evadere' dai loro doveri: che fine ha fatto, ad esempio, il tanto millantato 'tesoretto' di Prodi?
    A meno che noi cittadini (con un prelievo fiscale abnorme) non siamo considerati dei semplici sudditi da 'mungere': Robin Hood potrebbe, prima o poi, tornare!
    Il sottoscritto, poi, non ha nemmeno la 'facoltà' di evadere, avendo il prelievo fiscale alla fonte dei propri emolumenti.
    Ciao :-)

    RispondiElimina
  29. >Pagare gassosa, vedere scontrino

    :-D

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...