mercoledì 26 marzo 2008

Marianna, come ti sei ridotta...

A me piace molto la Francia, anzi la amo. La considero il grande paese la cui titanica cultura ha contribuito di più alla mia formazione. Forse più dell'America, che è venuta cronologicamente dopo.
Sono cresciuta a film francesi e a libri e film di Maigret. Ho riso con "Mon oncle" di Tati, ho visto e rivisto i crudelissimi film di Henri-Georges Clouzot.
Le prime parole straniere che ho imparato erano quelle di un disco di canzoni popolari francesi che mi era stato regalato da mio padre.
Sono rimasta affascinata dalla Rivoluzione Francese da un lato e dai fasti di Versailles raccontati da mia madre che l'aveva visitata. Parigi per me rimarrà per sempre quella in bianco e nero di Belfagor che si aggira per il Louvre. E' un'insieme di idee, di immagini, di reverie, di interpretazioni che forse hanno poco a che fare con la vera Francia ma che a me è caro.

Per questo motivo, nonostante mi tenga costantemente informata su blog come quelli di Gabriele e Virginie, che riportano notizie di prima mano da quella parte di Europa, mi domando sempre più spesso se la Francia meriti veramente di non essere mai ricordata nelle news se non per le coglionate di Sarkozy.

Mi rifiuto di credere che non stia succedendo nulla oltralpe, oltre alle cortigianerie di palazzo.
Leggo che anche lì c'è una questione aperta sulla laicità, che a seguito del triste caso di Chantal Sebire che aveva chiesto di poter essere aiutata a morire per porre fine alle proprie sofferenze, si è riacceso il dibattito sul diritto all'eutanasia. Eppure mi tocca leggere anche questo:
Nel giorno in cui Chantal se n'è andata le associazioni che in Francia chiedono una legge sull'eutanasia si sono rivolte ieri a Carla Bruni, sperando che la "sua sensibilità di madre" le aiuti ad ottenere una legge. Un incontro sull'argomento col marito presidente Sarkozy chiesto in forza di 350mila firme a dicembre e rimasto senza neppure una risposta.
Davvero, ma cos'hanno fatto di male i francesi per avere un presidente-ometto sul quale Carla Bruni può appendere i suoi abiti da sfilata? Pare un paese tornato ai tempi della Pompadour, alla quale far arrivare i propri cahiers des doléances, sperando che le lusinghe di madame nel letto dell'ometto possano contare di più della forza delle opinioni?

Non posso credere che, tra un'occhiata e l'altra ad una scollatura, questo piccolo satiro non stia facendo nulla per il suo paese. Tempo fa udimmo l'idea di castrare i pedofili, poi una mezza idea di favorire la tv pubblica tassando le private, poi il nulla sotto vuoto spinto.
Secondo i nostri telecinegiornali Sarkozy è sempre in vacanza a pavoneggiarsi con il figone (stagionato, per altro) in passerella.
Qual'è il motivo che spinge il Grande Fratello mediatico mondiale a trasmettere della Francia un'immagine del genere? E' un modo per screditarla? Un presidente ometto nel senso di appendiabiti, pare messo lì per non far nulla, se non il servo muto e che deve distrarre continuamente il pubblico con le vicende d'alcova per non dover parlare di cose serie.
Per esempio di cosa sta succedendo nelle banlieues, com'è la situazione economica, se i francesi soffrono dei nostri stessi problemi o sono messi meglio?
Mah, qualcuno mi spieghi, perchè la cosa sta diventando angosciante.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

16 commenti:

  1. i francesi, tra gli europei, sono quelli che ci somigliano di più. Non cè da stupirsi tanto che le cose laggiù vadano male quanto dalle nostre parti, e i cali paurosi della popolarità di sarkozy lo dimostrano. Oggi ho sentito il tomber de famme dire che boicottare le olimpiadi non sarebbe una cosa del tutto improbabile da parte della francia insieme magari ad altre nazioni. Mi sono stupita davvero a sentirlo parlare finalmente di un argomento "politico".
    Tanto stupita che alla fine non ho nemmeno capito bene le sue argomentazioni. Forza della suggestione, eh?...

    RispondiElimina
  2. Anonimo09:14

    Come vuoi che sia la situazione economica francese? Non sei tu quella che pensa che la ricchezza non si crea e non si distrugge? Stano come stavano all'età della pietra, o cinquant'anni fa, l'è l'istess.
    KK

    RispondiElimina
  3. Bonjour...
    Sono un po' scettica. Se partiamo dal presupposto che ogni informazione è filtrata e utilizzata alla fonte, neppure l'immagine che ci arriva della Francia è casuale, e pure va letta con questa malizia.

    La domanda da posri semmai è: qual è l'effetto (strumentale per chi controlla i nostri mass media) di presentarci solo questa parte della quotidianità francese?
    Senz'altro ci sono stipendi più alti, servizi che funzionano meglio, eventi culturali, come va il maschilismo? e l'integrazione? e il precariato? e ricerca e sviluppo? lo stipendio medio?

    Tante belle cosette che non ci raccontano. Al di là di "simpatici" slogan demagogici, ci raccontano forse come si vive davvero negli altri Paesi UE? Ovviamente NO. Sarebbe troppo scomodo - se confrontiamo il nostro burundi con loro!

    RispondiElimina
  4. cittadini liberi, felici e vincenti10:05

    per un attimo siamo rimasti disorientati, pensavamo che la marianna del titolo in questione fosse la super raccomandata inesperta capolista nella circoscrizione più importante d'italia.
    beh...la francia è messa molto meglio.

    RispondiElimina
  5. Come dicono qui nel pisano-livornese gli indigeni (per dissimulare una bestemmia), "marianna cane..".. :D

    Io non so che dirti Lame.. Sarkozy non doveva essere lo specchietto da allodole della nuova politica post-ideologica, del maanchìsmo sinistro-destrorso, l'immagine del leader retto e dla polo di ferro?

    Da un lato questa disfatta anche solo mediatica mi rende felice; siccome i francesi dopottuto non sono gli italiani, almeno avremo grosse possibilità che a governarli tra qualche anno sarà un socialista: che rimpiangerà magari il 68 (come se la cosa avesse dovuto gettare i francesi in chissà quale girone infernale...) ma almeno figa è già lei, madre pure, e non ha bisogno di attaccapanni che governino il proprio paese.

    ;)

    RispondiElimina
  6. p.s.

    ovviamente mi riferivo alla Royale.. anche se non vi avevo accennato, e se non è detto che sia la prossima candidata socialista.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. La madre dei buffoni è sempre incinta, però a giudicare dai sondaggi e dalle recenti elezioni amministrative, pare che i nostri amati-odiati cugini si siano già rotti dell'allievo transalpino del piazzista di Arcore.

    Non seguo molto la stampa francese di questi tempi, ohiboh, però mi pare che il dibattito sia comunque un po' più elevato (e meno disinformato) del nostrano.

    Nonostante tutto la Francia rimane per noi un modello da studiare ed ammirare: l'ubriacatura sarkozista pare stia già svanendo dopo pochi anni.
    Qui ancora la meniamo con ben altre sagome....

    RispondiElimina
  9. Ricordo male o in campagna elettorale disse che si ispirava a Berlusconi ?

    RispondiElimina
  10. Penso che la mediocrità dell'informazione stia facendo il suo corso in maniera globale. Non è solo da noi che si parla di Allam che si converte anzichè delle centinaia di vittime in Palestina.
    La gente vuole sentire queste cialtronerie? e allora accontentiamoli così vendiamo spot...

    RispondiElimina
  11. Francesca17:53

    Io come Beppone credo che sia la gente a volere sapere + di gossip che di situazioni politiche ed è per queto che si meritano Sarkosy, come noi meritiamo......
    Triste ma vero.

    RispondiElimina
  12. Paperetta, ti ho assegnato il premio. Non so se lo gradirai visto l'impegno...

    http://www.sacroprofano.net/2008/03/27/premio-you-make-my-day-award-anche-per-me/

    RispondiElimina
  13. Come ho già detto in altre occasioni, quello dell'informazione è un circolo vizioso: ci danno ciò che la maggioranza chiede...

    RispondiElimina
  14. t'ho risposto, eh? (al post vecchio)

    RispondiElimina
  15. @ mariad
    ;-)

    @ KK
    ho detto che la ricchezza non è infinita, c'è una bella differenza.

    @ la donna cannone
    ieri per sbaglio mi è scappato il ditone sul telecomando e ho visto 3 minuti di Studio Aperto. Giuro che non credevo ai miei occhi...
    Ma quello è un TG???!

    @ cittadini...
    Ah, ho capito, quella Marianna. No, mi riferivo al simbolo della Francia.

    @ gg
    già, è vero. Loro Sarkozy lo possono mettere da parte un domani, sempre che non ne venga fuori uno peggiore.

    @ mattbeck
    comunque la mettiamo, loro ne escono comunque meglio. Mannaggia!

    @ bc
    Berlusconi in quelle cose è molto più discreto. Magari mette l'amante in qualche ministero ma non va in giro mano nella mano. Sai, qui da noi c'è il Vaticano.

    @ beppone
    Loro sostengono che siamo noi che vogliamo questo. Mmh, bisognerebbe davvero usare il tv solo per guardarci i film in DVD.

    @ francesca
    può essere vero. Per esempio nei locali pubblici (bar, negozi, ristoranti) com'è che sono quasi sempre sintonizzati su Italia1? Non credo li obblighi Berlusconi a guardare quella merda di canale.

    @ uyulala
    grazie grazie grazie grazie, stragrazie!!

    @ franca
    che brutta maggioranza, però...

    @ rosalux
    anch'io.

    RispondiElimina
  16. Francesca12:25

    x Lame
    sai che l'ho notata anch'io sta cosa??Ma non c'arrivo a capirla...
    Addirittura c'era vicino casa una pizzeria d'asporto perennemente sintonizzata sul "tg" pubblicitario e propagandistico di Emilio Fido.
    Ho imparato a farmi la pizza e ho cancellato dalla rubrica la pizzeria.
    Quando si può scegliere...

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...