sabato 15 marzo 2008

Precarie gonfiabili

Noi dovremmo credere che la signorina precaria invitata a fare da spalla comica al cavaliere di plastica, tanto vero da sembrare finto, era una vera precaria qualunque che, folgorata sulla via di Arcore, ha deciso non solo di votare per il PDL ma di candidarsi, lì sul tamburo, per il medesimo partito. Loro prendono una qualunque per fare del qualunquismo, insomma.
Dovremmo credere all'assoluta casualità degli eventi, che gli attori della commedia non si erano mai visti prima.

Invece è molto probabile si sia trattato di una farsa, come si addice ad un partito da avanspettacolo.
La signorina risulta vicina ad AN e in grado di portare i voti della comunità ebraica romana (a volte ancora pericolosamente spostata a sinistra, quindi meglio ungere le ruote). Il sospetto che si sia trattato di una combine è forte.
Un po' come quegli illusionisti che pescano "casualmente" tra il pubblico il compare di turno. "Si, venga lei, signorina, con quel bel sorriso".

Come inizio di campagna elettorale non è male. Grazie ai mezzi di informazione, in questo caso il TG2 che ha retto il sacco, il cavalier Houdini ha potuto eseguire il numero del precario che sta dalla parte di Berlusconi. Una truffa a mezzo televisivo che, nel semplicismo che caratterizza i creativi e consigliori d'immagine del mago di Arcore, voleva significare: "facciamo vedere che il problema dei precari non esiste, che Silvio lo risolve magicamente, addirittura offrendo la mano di suo figlio in segno di magnifica munificenza". Talmente vero da sembrare finto.
Al punto che ora la precaria si sgonfia e dice che non si candida più. Doveva correre per le comunali di Roma, al fianco di Alemanno, ma dice che ci ha ripensato.

Non ci resta che attendere i prossimi elettrizzanti numeri. La sparizione del debito pubblico, la levitazione degli stipendi degli operai, Tremonti che attraversa la muraglia cinese da parte a parte e Silvio Copperfield che tira giù un telone gigantesco a Villa San Giovanni e magicamente vi appare dietro il Ponte sullo Stretto.
Ci attende una campagna elettorale magica.

Nella foto: sex doll in silicone (non chiamatela bambola gonfiabile che si offende), tanto finta da sembrare vera, gentilmente offerta da Real Doll.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

29 commenti:

  1. Anonimo21:47

    brau brau lettura molto piacevole ...
    e illuminante ma anche mainacciosa :-))

    RispondiElimina
  2. La signorina s'è fatta un po' di pubblicità aggratis, via....
    Triste il paese in cui la dignità è un optional.

    RispondiElimina
  3. Ma com'è che io e te pensiamo male sempre uguale?

    RispondiElimina
  4. Anonimo22:46

    forse non erano d'accordo, pero' la cosa brutta e' che invece di dare un tentativo di soluzione del problema precariato si infonde la convinzione che e' meglio tentare altre vie perche' il precario sara' sempre precario.
    e' questo l'errore grave del berlusca da sottolineare.

    roberto de falco

    RispondiElimina
  5. @ gg
    visto poi che era una comparsa gentilmente offerta da Alemanno...

    @ debora
    già, perchè? Stessi cattivi maestri? ;-)

    @ roberto de falco
    è stata un'ignobile pagliacciata e oltretutto serviva a ribadire quello che dici tu: i precari si attacchino al tram.

    RispondiElimina
  6. Più che al tram alcuni precari per stabilizzarsi si attaccano al cazzo di qualcun altro...
    Forse è meglio mangiare brioches...

    Pensatoio

    RispondiElimina
  7. @ pensatoio
    se si attaccano a "quello", vista la scarsa possibilità di presa, rischiano di finire sotto le ruote.

    RispondiElimina
  8. tra i due sceneggianti non saprei scegliere :°)

    RispondiElimina
  9. Che fosse una farsa è stato chiaro fin dall'inizio.
    Comunque, per fare le cose che hai elencato tu ci vuole un prestigiatore di rango, non un buffone di corte qualunque...

    RispondiElimina
  10. ur_ca12:19

    certo che con tutti i problemi che ci sono impostare la campagna elettorale denigrando l'avversario per una battuta semiseria e galante (sul sorriso della ragazza) è molto utile. Denigrare il "nemico" per batterlo è arte tutta COMUNISTa,e, sinceramente tali siete rimasti malgrado i tentativi di rifarsi una verginità con apparentamenti cattolici. Parliamo di tasse, di calo degli stipendi, di calo di pensioni... eh sì cari catto-comunisti, di questo si tratta. Altro che di battute, di ciarrapico fascista (ricordo che ilpresidente "compagno precisetti" alias napolitano è stato filo-stalinista e comunista senza alcuna smentita. Eppure nessun ciarrapico l'ha mai buttato sul piatto della bilancia nella campagna elettorale. Aprite gli occhi

    RispondiElimina
  11. Anonimo13:00

    è veramente avvilente vedere che c'è chi imposta la campagna elettorale anche su queste "trovate" e c'è chi si presta e chi lo vota, soprattutto le donne.
    Laura

    RispondiElimina
  12. @ ur-ca
    mi sono segnata il termine "battuta semiseria". Vuol dire che non si sa se faccia ridere o meno? Un po' come il semifreddo che non sai se è proprio un gelato?

    RispondiElimina
  13. Infatti, non capisco come si possa dare rilievo alla cosa. Lei e gli altri erano attori di giro di terza categoria (quelli che erano esclusi dalle città e frequantavano paesini), che a malapena sapevano leggere.
    Non diamogli spazio. Lui voleva scaldare gli animi e c'è riuscito. Possibile che nessun politico dica le cose come vanno dette e si faccia infinocchiare da queste sciocchezze.

    RispondiElimina
  14. ur_ca13:57

    Cara Lameduck, leggo con piacere che sei romagnola e non mi sorprendo che tu sia in linea. Sei giovane, e io negli anni '60 quando tu eri all'asilo io ero ufficiale su navi oceaniche. Sono tornato in romagna a dedicarmi alla terra. Se ne vedono di belle e tu lo sai, se è vero che ci vivi!
    I COMPAGNI, LEGA COOP, UNIPOL, E POTENTATI VARI ORA LI CONOSCO BENE. POSSO CONFERMARTI CHE QUI COMUNISTI E SINISTRI SONO DEI PROFESSIONISTI DEL CRIMINE. SE NON SEI CON LORO O CON I LORO AMICI TI FANNO TERRA BRUCIATA ATTORNO. SE NON TI ISCRIVI ALLA COOP (DOBE L'ISCRIZIONE ALL'UNIPOL E' OBBLIGATORIA MALGRADO LE CONDIZIONI SVANTAGGIOSE RISPETTO AD ALTRE ASSICURAZIONI) NON HAI LE SEMENTI E ATTREZZATURE EXTRA, SE NON SE SEI LIBERO PROF NON LAVORI PIù, SE HAI UN NEGOZIO TI ISOLANO, SE SEI DIPENDENTE NEL PUBBLICO SEI PRATICAMENTE ANNULLATO, SE SEI DIPENDENTE DI PRIVATI LA CGIL (QUI DOMINA ALLA BULGARA COME I COMUNISTI) MINACCIA IL DATORE DI LAVORO QUALORA TI VOLESSE "PREMIARE". LA MAFIA, CAMORRA ECC. SONO SEMPLICEMENTE GREZZI DILETTANTI DEL CRIMINE AL LORO CONFRONTO. AT SALùT BURDèLA

    RispondiElimina
  15. @ ur-ca
    ti ringrazio per il "giovane", a quasi 48 anni fa piacere. Per il resto vedo che sei caduto nel solito trito e, scusami, ridicolo, luogocomunismo della Romagna occupata dai comunisti. Sarà che vivo in una delle poche enclaves "bianche" e da 25 anni, ma di tutte le cose che dici non mi sono accorta. Sarò scema io?

    RispondiElimina
  16. ur_ca21:32

    NON INTENDO TIRARLA LUNGA GLI ALLINEATI NON SI ACCORGONO MAI DI COSA SUCCEDE A CHI NON SI ALLINEA, ANZI NON CREDONO NEMMENO CHE ESISTANO.
    UNA SOLA COSA. IN EMILIA-ROMAGNA REGNANO GLI "EX PCI" (SE NON TI PIACE LA PAROLA "COMUNISTI") DA SEMPRE. E NON E' UN LUOGOCOMUNISMO BANALE COME DICI TU. SONO PERSONE LA CUI FORMA MENTIS E' E RESTERA' DA "EX PCI" MALGRADO SI VOGLIANO FAR PASSARE PER LIBERALI (ERO LIBERALE AI TEMPI IN CUI GLI STESSI ERANO CONSIDERATI FASCISTI DAI PCIni). MI CHIEDEREI AL POSTO VOSTRO "PERCHE' PRENDERSELA SE SI E' DEFINITI "COMUNISTI?" PER COME LA PENSO IO (PARERE DEL TUTTO PERSONALE) VI CAPISCO BENISSIMO, AVETE TUTTE LE RAGIONI PER VERGOGNARVI.

    RispondiElimina
  17. @ ur-ca
    perchè "urli" tutto in maiuscolo, ci sento bene, sai?
    Gli allineati qui li vedi solo tu. E, per tua norma, nessuno ha qualcosa da vergognarsi, qui.

    RispondiElimina
  18. in televisione, non solo il palinsesto è preparato mesi prima, ma anche i testi vengono scritti, provati, testati e corretti in base alle reazioni di un campione di pubblico.
    berlusconi è un mago della televisione.
    ognuno può 1)guardare e condividere il programma, 2) fregarsene, 3) abboccare ed indignarsi teatralmente.
    la maggioranza degli italiani sceglie 1)
    io scelgo 2)
    voi non potete fare a meno di scegliere 3)

    RispondiElimina
  19. Eh belin, che sia stata una farsa non ci piove...

    RispondiElimina
  20. Francesca13:06

    x UR-CA che scrive:
    certo che con tutti i problemi che ci sono impostare la campagna elettorale denigrando l'avversario per una battuta semiseria e galante (sul sorriso della ragazza) è molto utile.

    Forse non hai capito che il problema non era la battuta ma la risposta che non è stato in grado di dare privilegiando il suo modo di fare battute.
    E sinceramente poteva risparmiarsela...ma la scenetta deve essergli sfuggita di mano!

    E lui che dovrebbe pensare a salvare l'Italia da quando è sceso in campo o no???
    Ma lui è un uomo di spettacolo, preferisce quello a dare risposte serie: cosa che dovrebbe fare un politico che si fa' chiamare tale!

    RispondiElimina
  21. ur_ca18:46

    Francesca, buonasera! se non ricordo male, dopo la battuta c'è stata anche la risposta. Ma è la battuta che si vuole ricordare, per affumicare i cervelli all'ammasso. Come quando ha stracciato platealmente il programma. Tutti hanno cisto che è stato un gesto plateale per dire che il programma famoso delle 287 pagine su cui perfino i compagni ci ridono sopra ora, non solo non è stato rispettato ma addirittura contrastato dagli stessi che lo avevano approvato. E che pertanto era da considerarsi carta straccia! Naturalmente apriti cielo. E giù con le solite panzane preparate ad arte elaborate dall'intelligenzia ad uso e consumo dei cervelli all'ammasso.
    "A ne vlèin e PATATLA'" (non vogliamo il patto atlantico) gridavano nelle piazze emiliano-romagnole negli anni '50/60 senza nemmeno sapere di cosa parlavano. Ecco, nulla è cambiato per per i compagni!

    RispondiElimina
  22. Francesca13:00

    X LU
    Al di là che fosse una scenetta e chi c'è sicuramente che s'è l'è bevuta io credo che un politico che si dica tale certe scenette di marketing politico non se le può risparmiare ma DEVE, soprattutto davanti ad un problema grave come quello del lavoro precario.
    I politici devono dare risposte non fare gli attori comici, quello è un altro mestiere (forse x il nano no!)
    Poi la risposta "vera" forse l'ha pure data ma chiaramente lo scopo era che passasse in secondo piano, forse perchè non ha poi molto da dire al riguardo.
    X UR-CA
    Io non mi vergogno di nulla.
    Non ho vissuto nel periodo anni '70 essendo nata dopo ma chi si vergogna ora di essere stato comunista ai tempi non ha nulla da dirmi.
    Qui non mi pare ci fosse il regime di Stalin!!

    Dico però una cosa a tuo favore sul fatto che Legacoop e Unipol abbiano ingerenze sul territorio rosso dell'Emilia-Romagna.
    Non so quanto sia estesa questa ingerenza ma vicino al paese in cui abito il sindaco e la commissione si sono opposti all'apertura di un supermercato Famila fino all'ultimo quando hanno dovuto accettare, mentre le coop pullulano su tutto il territorio.
    Come vedi ho una mente critica.

    RispondiElimina
  23. ur_ca17:52

    X FRANCESCA
    SI SBAGLIA SIGNORA!

    1) LA POLITICA SI FA RECITANDO. TUTTI I POLITICI SONO ATTORI. SE POI A LEI NON PIACE LA RECITA DI CHI NON LA PENSA COME LEI (CHE PER LA VERITA' NON PIACE NEMMENO TANTO A ME)MI PARE OVVIO.

    2) SE IN ITALIA NON C'E' STATO IL "REGIME DI STALIN" NON E' CERTO MERITO DEI COMUNISTI. I QUALI, BADI BENE, NEL DOPOGUERRA E FINO A META' DEGLI ANNI '60, INVOCAVANO LA LOTTA DI LIBERAZIONE PER CONSEGNARE L'ITALIA ALL'UNIONE SOVIETICA. A TAL PROPOSITO, VENIVA FORMATA L'INTELLIGENZIA IN URSS E CSSR A SPESE DEL PCI RIMPINGUATO DI DOLLARI (NON RUBLI) LAUTAMENTE COME POI ABBIAMO VISTO.

    LE VORREI INOLTRE RAMMENTARE CHE TOGLIATTI "IL MIGLIORE" ERA IL SEGRETARIO DEL COMINTERN, VALE A DIRE DI STALIN, COL QUALE CONDIVISE UNA INFINITA' DI CRIMINI A SPESE DI TANTI COMUNISTI ITALIANI FUORUSCITI. IN TAL MODO, EGLI AFFERMAVA DI AVER SALVATO LA PELLE PERCHè "PIU' UTILE DA VIVO CHE DA MORTO ALLA CAUSA COMUNISTA".
    E TOGLIATTI NON E' MAI STATO RINNEGATO DAI COMUNISTI ITALIANI!

    DI PIU'. IL COMUNISMO E'PER SUA DEFINIZIONE INTERNAZIONALISTA, E LA STORIELLA TRITA E RITRITA DEL COMUNISTA ITALIANO BUONO PERCHE' HA LOTTATO PER LIBERARE L'ITALIA DAL FASCISMO E' UN'IDIOZIA. COME DIRE CHE I FILO-NAZISTI DELL'EX GERMANIA EST SONO BUONI PERCHE' HANNO LOTTATO PER ABBATTERE IL MURO DI BERLINO!
    P.S. PER FAVORE NON ACCOMUNI I CARATTERI MAIUSCOLI AL TONO DELLA VOCE, EVITIAMO BANALITA' CHE SI COMMENTANO DA SOLE

    RispondiElimina
  24. Francesca13:04

    x Ur-ca che scrive:
    P.S. PER FAVORE NON ACCOMUNI I CARATTERI MAIUSCOLI AL TONO DELLA VOCE, EVITIAMO BANALITA' CHE SI COMMENTANO DA SOLE

    Non ho scritto nulla al riguardo ma lo trovo cmq incomodo.

    Per il resto è vero che il comunismo era internazionalista ma è vero anche che non era eguale in tutti le parti del mondo.
    Non mi apre che qui siano stati commessi crimini al pari della russia di Stalin, come pure a Cuba per esempio che per alcuni versi ed alcune leggi si tratta ancora di un regime comunista.

    RispondiElimina
  25. ur_ca17:09

    X FRANCESCA che scrive:

    Non mi pare che qui siano stati commessi crimini al pari della russia di Stalin, come pure a Cuba per esempio che per alcuni versi ed alcune leggi si tratta ancora di un regime comunista.

    Per la semplice ragione che in Italia il comunismo non c'è mai stato, e non certo per merito dei comunisti che, ripeto, fino a qualche decennio fa avrebbero voluto realizzarlo sotto la sfera sovietica.

    Un cordiale buonasera!

    RispondiElimina
  26. Francesca17:33

    x Ur-ca
    Non sarà stata merito o demerito dei comunisti ma sta di fatto che così è.
    Vedo che ha optato per le minuscole....
    :-)
    Buonasera anche a Lei.

    RispondiElimina
  27. ur_ca15:07

    X FRANCESCA:
    Vedo che ha optato per le minuscole....
    :-)
    Buonasera anche a Lei.

    Non è irascibile ed è spiritosa. Complimenti! Buona Fortuna!

    RispondiElimina
  28. Francesca16:07

    x Ur-ca che scrive:
    Non è irascibile ed è spiritosa. Complimenti!

    ....mmmmm.....E perchè dovrei essere irascibile?

    RispondiElimina
  29. ur_ca17:24

    x Francesca:
    ....mmmmm.....E perchè dovrei essere irascibile?

    perchè mi manca l'ipocrisia (quella che per certuni è "diplomazia") e spesso i miei interlocutori si irritano

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...