mercoledì 28 gennaio 2009

Fanno proprio Kaka'

"... Io so che le camere a gas sono esistite almeno per disinfettare, ma non so dirle se abbiano fatto morti oppure no, perché non ho approfondito la questione. So che, accanto a una versione ufficiale, esiste un’altra versione basata sulle osservazioni dei primi tecnici alleati che sono entrati nei campi." (Don Florian Abrahamowicz, interno sacrestia, buio pesto.)

Non esistono le camere a gas?? Se uno si trova in una stanza assieme a Don Florian e sente emanare una tale sequela di minchiate dalla reverenda bocca, rischia seriamente di restarne intossicato a morte, altro che disinfettante.

Non capisco il Vaticano. Marcel & I Lefebvriani. Credevo non esistessero nemmeno più, che la scomunica rimediata dal loro frontman da parte di Giovanni Paolo II li avesse stesi una volta per tutte. Invece no, con un senso dell'opportunismo che fa scintille, Papa Ratzi sceglie di revocare la scomunica a chi nella Chiesa è ancora più arretrato del Sant'Uffizio, e che data ti sceglie? Una qualsiasi a ridosso della giornata che ricorda la Shoah, visto che questi negano lo sterminio oppure, più subdolamente lo ridimensionano.
Ma allora lo fa apposta. Un bello scontro tra fratelli maggiori e minori ci mancava, nel panorama delle guerre di religione. Don Florian, che come tutti i convertiti o figli di convertiti è più papista
del Papa, è il padre spirituale della Lega Nord. La Roma ladrona si ferma a Via della Conciliazione. Vaticano ladrone? Giammai, loro sono veri cristiani, anzi kristiani con il kappa.

Non si può negare che, di questi ultimi tempi, la facciadaculaggine sia la dote più diffusa ed apprezzata in Italia.
Credo la nebulizzino di notte dei droni radiocomandati, fino a formare scie chimiche che rigano il cielo di un bel rosso vergogna. Scie chimiche ma anche comiche.

Prendiamo il recente grido di guerra che ha attraversato l'Italia: "spezzeremo le chiappe al Brasile", urlato del governo di centrodestra a se
guito della vicenda Cesare Battisti, uno dei tanti inquisiti italiani riparati all'estero anche grazie ai servizi segreti dei paesi accanto. Di pregiudicati e condannati in giro per il mondo ne abbiamo avuti e ne abbiamo ancora tanti. E' un settore di export che ci viene particolarmente bene. In catalogo ne abbiamo di ogni colore politico e specializzazione criminale. Terroristi ma anche criminali comuni, megaspacciatori, mafiosi di vario rango e bancarottieri. Tra i latitanti passati e presenti spiccano diversi cameratucci della parrocchietta.
Basti ricordare, per il passato, la vicenda
della fuga di Andrea Ghira, uno dei massacratori del Circeo, oppure la latitanza indisturbata di Delfo Zorzi, tuttora indagato per la strage di Piazza della Loggia del 1974, riparato in Giappone e per il quale nessuno parla di rompere le relazioni con il Sol Levante o spezzare le katane a Tokyo.

La cosa più grottesca, riguardo alla vice
nda Battisti ed al contenzioso con il Brasile di Lula è la geniale pensata di far guerra al paese sudamericano non con i B52 ma non giocando l'amichevole di calcio oppure, come suggerito dalla ministra ombra di se stessa Meloni, con il lutto al braccio. Tanto per mettersi qualcosa di nero addosso.
Capisco che non ci sono più quei bei generali sudamericani di una volta, nei cui paesi andavi allegramente a giocare la Coppa Davis o il Campionato del Mondo di Calcio, mentre negli sotterranei degli stadi loro torturavano gli oppositori.

Se fossimo un paese serio e coerente si sarebbero espulsi con effetto immediato tutti i trans carioca e paulistas che si dedicano amorevolmente alla ricreazione sessuale di tanti padri di famiglia nostrani, eterosessuali a buchi alterni.
Espulsione anche per tutti i calciatori brasiliani in forza alle squadre italiane. Kakà spedito a Manchester con foglio di via; Adriano, Amauri, Ronaldinho, tutti a casa come persone non grate, per coerenza. Invece siamo incoerenti e facce da culo e ci limitiamo alla pagliacciata della partita annullata, che mai sarà annullata, ci mancherebbe. Il calcio è una cosa seria.

Intanto il bel Bolle racconta balle anche se gli bolle, solo per fare un dispetto a noi ragazze che andremo a letto stasera rigirandoci nel dubbio che non sia gay?

La coerenza, sai, è come il vento.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

L'insostenibile leggerezza dello stupro

Ci vuole leggerezza, ha detto. Leggerezza, come quella delle mongolfiere o semplicemente dei palloni gonfiati, che quando li sgonfi vanno via scorreggiando a destra e a sinistra.
Credeva, come al solito, di sdrammatizzare, ma il fatto è che associare la leggerezza allo stupro, come lui ha fatto, proprio non va, non funziona. Non si sdrammatizza lo stupro, come non si sdrammatizzano i campi di sterminio. Se si prova a farlo si sentono i ferodi stridere, i corni steccare e i gessetti urlare sulle lavagne.
Si accappona la pelle e la mente inizia a vagare cercando una risposta a tanta inconsistenza di pensiero, a tanto orror vacui, a tanta odiosa superficialità, senza riuscire a trovarli. Perchè la stupidità è infinita, il suo valore è prossimo alla enne.

A parte la forma mentis da vecchio satiro del signore in oggetto, è anche purtroppo un problema di genere.
Forse gli uomini non vengono stuprati abbastanza (e non lo dico augurandomelo, per carità) o non sono dei mostri di empatia, ma a volte hai la sensazione che proprio non si rendano conto veramente, fino in fondo, di ciò che quella violenza rappresenta per una donna, soprattutto se si parla di uno stupro di gruppo.
Quattro, cinque o più sconosciuti che compiono su di te l'atto più intimo possibile, anche se è l'ultima cosa che vorresti fare in quel momento o hai le tue cose o stai male o sei troppo piccola e non capisci nemmeno cosa ti sta succedendo. Ti portano via l'anima ridendo, lasciandoti ferite nella mente che non guariranno mai più mentre loro diranno: "che ho fatto, dopo tutto?"

Io credo che lo stupro di gruppo sia un modo per esorcizzare sulle donne per vendetta l'angoscia più grande del maschio, l'impotenza. Far provare ad un altro essere cosa significa non riuscire a muoversi, a difendersi, ad evitare che ti venga fatto del male è un atto simbolico che viene dagli abissi più cupi dell'inconscio e che nasce dalla paura.
Non so spiegarmi altrimenti come gli uomini abbiano un atteggiamento fin troppo tollerante nei confronti del fenomeno, magari chiamandolo gang bang per renderlo più appetibile o facendolo diventare "arte" in opere di ingegno. "Arancia meccanica" è un capolavoro ma solo un uomo poteva pensare di raffigurare in maniera tanto subdolamente attraente lo stupro di gruppo.

Non tutti gli uomini stuprano, ci sono anche i soldatini che si tirano indietro inorriditi, ma purtroppo nel plotone sono una minoranza.
Già, è una cosa, la violenza di gruppo, che i soldati, nelle guerre, fanno abitualmente quando conquistano finalmente il nemico. Come premio viene loro concesso di accanirsi sulle donne, tutte quelle che trovano e non c'è giovane, vecchia, brutta, storpia o bambina che tenga, caro padrone. A Nanchino, nel 1937, le truppe giapponesi d'invasione stuprarono in pochi giorni tra le 20.000 e le 80.000 donne. Senza controllare prima se i requisiti 90-60-90 venissero rispettati e se qualcuna avesse passato gli esami da velina.

Più che la solita ossessione delle belle donne, perchè lui crede di essere galante, a me ha fatto venire i brividi proprio l'associazione stupro-soldati fatta dal vecchio satiro.
Lascia stare Nanchino, che è roba per gli storici ma gli stupri etnici della Bosnia non sono poi così lontani nel ricordo.
Che a difendere le donne debbano esser proprio coloro che potenzialmente sono i più assidui stupratori collettivi, date le favorevoli circostanze, e perfino sotto il casco blu dell'ONU in missione di pace, suona come una ancor peggiore derisione. Oppure una volgarissima fantasia da pornaccio di quart'ordine.

Non è possibile che un argomento che fa star male qualunque donna solo a pensarvi ed io sto male adesso a scriverne, diventi argomento per frizzi e lazzi da parte di un vecchio comico fallito.
I miliardari non vengono stuprati abbastanza, per questo non capiscono. Mio caro padrone, domani ti stupro.

Ricordo quando vidi lo spettacolo di Franca Rame, atroce come solo le cose rivissute per catarsi sanno essere. Stetti male, un male fisico, una presa allo stomaco e un dolore profondo, seguito dalla rabbia per la successiva scoperta della valenza politica che risultò avere avuto quell'aggressione. Addirittura pianificata, secondo i riscontri delle indagini, da settori delle forze dell'ordine colluse con l'estremismo fascista. Un ennesimo stupro di guerra, fatto per fiaccare ed umiliare il "nemico".

Di fronte a drammi che devastano le donne, non parliamo mai più di leggerezza, di battute e di umorismo, non è proprio il caso. La prossima volta, Berlusconi, si contenga. O parli solo dopo essere stato stuprato.



OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

lunedì 26 gennaio 2009

Per Aspen ad astra

Il 20 gennaio scorso, tra una notiziola e l'altra, il conduttore del TG1 ha annunciato che, con la presentazione dell'ultimo volume della rivista ASPENIA, dedicato alla presidenza Obama, "si è inaugurata oggi la collaborazione tra il TG1 e l'Aspen Institute Italia".

Ma va? E noi che credevamo che l'Aspen, il CFR (Council on Foreign Relations) e le altre lobbies e think tanks avessero già messo da tempo le mani su ogni media italiano, dalla RAI a Mediaset, da Telecom al Corrierone, fino ai giornaletti parrocchiali e i bollettini per i naviganti. Se non altro perchè i loro membri sono onnipresenti ogni volta che c'è da intervistare l'esperto dei massimi sistemi.
Si vede che, come le gravidanze in stato avanzato, al TG1 il pancione non riuscivano più a nasconderlo.

Cos'è l'Aspen Institute? E' una lobby come ce ne sono tante in America, che di mestiere lobbano, ovvero fanno gli interessi di coloro che ne fanno parte, di solito coloro che contano. In fondo sono dei sindacati per ricchi e potenti, con filiali in tutto il mondo.
Dentro ci sono proprio tutti, come in un super Rotary, un Rotarone extralusso.
Il fondatore di Aspen Italia è Gianni De Michelis e l'attuale presidente è Giulio Tremonti. La direttora responsabile di Aspenia, la rivista di Aspen Italia è Lucia Annunziata, quella che deve orientare gli italiani.

Chiedi loro: che fate? dove andate? quanti siete? E loro rispondono sempre "è per il bene del mondo, è per mangiarvi meglio". Si riuniscono a porte chiuse, sempre per il bene del mondo. Vogliono creare una dirigenza illuminata, lo scrivono sul loro sito.
Oplà, buoni, non dite illuminati che mi si sveglia l'Icke. Poi finisce che vuole andargli a strappare la pelle per vedere se sotto c'è il lucertolone, sapete com'è.

Hai voglia di tenere il complottista al guinzaglio ma tutti questi circoli, queste bocciofile per miliardari non saranno una specie di Massoneria a cielo aperto?
Non credo che gli Illuminati si riuniscano in qualche castello bavarese per fare sacrifici umani e trombare strafacendosi di coca qualche ragazzino, come sostengono i complottisti un po' perversi.
In fondo gli elenchi dei soci non sono mica nascosti a Castiglion Fibocchi, si trovano online, sui vari siti dei clubs.

E' proprio questa la cosa più pericolosa. Il fatto che ci trovi tutti, destra e sinistra, Prodi e Tremonti, la Confindustria, le multinazionali, i politici, le banche, le assicurazioni, i media, le società di comunicazione. Se tutti vogliono far parte della stessa cosa vuol dire che quella cosa serve per uno scopo comune. Niente di strano, niente complotti con gli alieni grigi per l'invasione della Terra nel 2012.
Queste lobbies vogliono una cosa sola e molto terra terra: la continuazione del loro privilegio. Vigilano affinchè il potere venga tramandato di padre in figlio all'interno della casta.
Il privilegio si mantiene meglio se nessuno rompe i coglioni con roba come uguaglianza di diritti, difesa dei diritti acquisiti e libertà di espressione.

Ecco quindi che si rende necessario spalmare ovunque e liscio come la glassa della Sachertorte il pensiero unico, che unifica Napolitano e Berlusconi, Tremonti, Dini e Prodi in un unico credo: difendere sempre e comunque gli interessi della classe dirigente.
Se la gente pensa in maniera uniforme sarà più facile farle ingoiare i rospi. A questo sono preposti i Riotta e le Annunziate con i loro telegiornali illuminati a giorno.
Hanno aspettato che salisse su Obama, così il pubblico penserà che quelli dei think tank sono tutti democratici, belli e abbronzati ma in realtà sono sempre gli stessi di prima, compresi i lucertoloni del PNAC. Ricordo benissimo che la prima intervista che fece Riotta da neodirettore del TG1, nel settembre 2006, da fratello che riceve finalmente la luce, fu con Henry Kissinger. Chissà perchè.
Per questo ed altro ancora, l'annuncio dell'altra sera è suonato, più che l'annuncio di una novità, un coming-out.

Non è complottismo, è quasi una rasoiata di Occam.

sabato 24 gennaio 2009

La Gaza che non abbiamo visto

"Voi avete ragione, ma qui siamo italiani e dobbiamo anche orientare il pensiero degli italiani su questa cosa". (Lucia Annunziata)



(Avverto che il filmato contiene immagini molto crude. Qui la seconda, terza, quarta, quinta e sesta parte.)

Ora che Gaza è sparita dai media, come se non fosse mai esistita e sparita in base ad un preciso piano che imponeva la fine degli schiamazzi e dei fuochi artificiali al fosforo in tempo per non disturbare l'inizio della presidenza Obama e i relativi festeggiamenti, possiamo continuare a parlare di Gaza, di giornalismo, di propaganda e di diritto all'informazione.
Per farlo dobbiamo fare riferimento non già al giornalismo orizzontale italiano ma a quello ancora orgoglioso di fare informazione, quello anglosassone, di qualunque orientamento politico esso sia.
Dobbiamo anche fottercene di copyright ed altre delicatessen e rilanciare i documenti televisivi che troviamo in rete per vedere di far arrivare un briciolo di informazione ai nostri connazionali intontiti dai telegiornali di regime.

"Unseen Gaza" è un documentario di Channel 4, canale televisivo britannico, andato in onda l'altra sera con grande clamore, non ovviamente sui nostri schermi. Ringrazio Grazia che, nel commento al post precedente, mi ha segnalato questo programma che ho visto oggi e che vi riposto qui, direttamente da Youtube. Il programma è in inglese e non sottotitolato e quella che segue è una sintesi riassuntiva che ho preparato per chi volesse conoscerne il contenuto.

Jon Snow, il conduttore del programma, è un giornalista molto agguerrito, sulla falsariga dei suoi colleghi americani di "60 Mintues", della serie: "Ommioddìo, questi fanno ancora le domande e le inchieste!"
Per avere un idea del tipino che è Jon, guardatelo in questo battibecco con il portavoce del governo israeliano Mark Regev. Snow chiede conto a Regev dell'uso di armi proibite da parte di Israele, Regev risponde che non è vero ma Snow insiste nel fare domande e ad incalzare il suo interlocutore portandogli le testimonianze di coloro che le armi le hanno viste usare. In Italia un'intervista condotta a quel modo sarebbe pura fantascienza e sarebbe andata più o meno così: "Signor Regev, è vero che Israele ha usato armi al fosforo, DIME e a frammentazione?" Risposta: "No". "Grazie per essere stato con noi, signor Regev, passiamo alle notizie sportive".

"Unseen Gaza" è il resoconto di come questa guerra, forse per la prima volta nell'era moderna, sia stata condotta tenendo i corrispondenti dei media occidentali al di fuori del teatro dei combattimenti, confinandoli su una collina del disonore dal quale poter avere sempre la stessa visuale precotta. Come un pubblico che sente il parlato di un film provenire da dietro il muro di un cinema all'aperto ma non riesce a capire cosa stia succedendo sullo schermo e quindi non potrà certo raccontartene la trama. Da qui la difficoltà e l'insopportabilità, per dei media seri che vogliano fare informazione, di avere una visione completa di ciò che stava accadendo, e l'impossibilità di un resoconto obiettivo dei fatti.

Jon Snow arriva a Gerusalemme all'inizio del conflitto. Nel palazzo destinato a sede della stampa internazionale, all'ingresso, vi sono i resti di un razzo Qassam disposti come in un allestimento museale. "Il messaggio era chiaro" racconta Jon, "Israele è sotto attacco." Ai giornalisti occidentali, ai quali non sarà permesso entrare a Gaza, ufficialmente per motivi di sicurezza, vengono consegnati opuscoli intitolati "Operazione Piombo Fuso", come i press book di un festival cinematografico, percepiti né più né meno dai cronisti come pura propaganda. Forse abbiamo capito da dove traggono spunto certe penne nostrane. Ma lasciamo perdere.

La cosa che appare subito chiara a chi vorrebbe raccontare questa guerra secondo i metodi tradizionali è che non sarà possibile ascoltare la voce dell'altro contendente, cioè di Hamas.
Una giornalista israeliana intervistata da Snow spiega che il motivo consiste nell'evitare che succeda come in Libano nel 2006 dove i giornalisti, in sostanza, ruppero le palle "perchè a loro veniva suggerito cosa dire e non dire da Hezbollah". Allora perchè non farli andare a Gaza, stavolta? "Perchè in ogni caso parlerebbero male di Israele." Ah, beh.

Con i media occidentali appollaiati sulla collina a guardare i fuochi artificiali, gli unici luoghi di distruzione ai quali le autorità israeliane permettono di avvicinarsi sono quelli colpiti, in territorio israeliano, dai razzi Qassam. Viene fatto notare però nel documentario che, dall'inizio del conflitto, vi sono state solo una vittima civile israeliana e una decina di militari. La sproporzione tra la necessità di difendersi e il volume di fuoco effettivamente scatenato su Gaza come rappresaglia è evidente.

Se i media internazionali sono tenuti fuori da Gaza, ciò non significa che non vi siano voci che trasmettono cronache e reportages dall'inferno, e sono gli inviati dei giornali e delle tv arabe, come Al Jazeera. In quei servizi, destinati ad un pubblico islamico ma non solo, visto che i media occidentali le riprendono, compaiono molte più informazioni, sicuramente anche quelle suggestionate dalla propaganda di Hamas ed immagini che nei media occidentali verrebbero censurate. Ufficialmente per ragioni di fascia protetta e buon gusto. Questi reporters arabi presenti sul territorio, come i volontari e i bloggers, sono spesso vittima del fuoco israeliano ma continuano a far uscire dall'inferno le immagini della devastazione, quelle che rendono meglio l'orrore della guerra.

Viene riportato a questo punto, nel documentario, il caso di un servizio arrivato alle televisioni occidentali da un'emittente araba, nel quale veniva mostrato il corpicino carbonizzato di una bimba. Un'immagine sconvolgente che le emittenti occidentali hanno censurato.
In un intervista, Jeremy Bowen, corrispondente dal Medio Oriente della BBC, si lamenta del fatto che queste immagini sono comunque decontestualizzate e non rendono paradossalmente il dramma della guerra. "Ho visto una cosa terribile l'altro giorno, un padre che baciava con tenerezza infinita il figlio morto. Se mi fosse stato possibile andare a Gaza, sarei andato nella casa di quest'uomo, se fosse stata ancora in piedi, avrei raccontato la sua storia. Ma questo è impossibile". L'impossibilità di raccontare la guerra. "Se vedi un mucchio di corpi di bambini sei sconvolto, ma lo sei ancora di più se puoi raccontare lo strazio delle madri e dei padri".

Gaza, quindi, è stata raccontata in maniera parziale, secondo i dettami della propaganda israeliana, dai media occidentali, i quali hanno potuto utilizzare in maniera limitata il materiale di provenienza araba presente sul campo. Le tv arabe invece hanno mostrato la guerra senza veli e in diretta. Il rischio, secondo alcuni, è che ciò possa estremizzare il risentimento islamico verso l'Occidente. Forse proprio ciò che si vuole. Se gli occidentali avessero potuto filmare dall'interno i combattimenti, la prospettiva sarebbe cambiata?

Viene presentato poi il caso della scuola dell'ONU bombardata, nella quale avevano trovato rifugio molti civili palestinesi. Vengono posti a confronto, nel documentario, la versione del portavoce israeliano che insiste nel considerare la scuola una base missilistica di Hamas e la testimonianza di un giornalista americano del New York Times, che dice che i colpi dei miliziani non provenivano dalla scuola ma dalle sue vicinanze.

L'ultima parte di "Unseen Gaza" è dedicata al racconto dei tentativi da parte di Israele di fare pressione su media normalmente obiettivi come la BBC, accusata di essere sbilanciata a favore di Hamas per il fatto che i suoi militanti non vengono chiamati terroristi.
Jon Snow commenta che Hamas, piaccia o no, è stata votata democraticamente dai cittadini di Gaza. Una cosa che viene spesso dimenticata.

Finalmente, con il cessate il fuoco, la stampa internazionale viene ammessa a Gaza ad assistere alla devastazione lasciata da venti giorni di fuoco.
L'ultima osservazione di Jon Snow è amara: se i media fossero stati in grado di mostrare tutto questo in diretta, si sarebbe potuti giungere prima al cessate il fuoco? Si sarebbero potute salvare delle vite?

Questo è quanto è stato raccontato agli inglesi l'altra sera.
Da noi invece su un importante giornale si è scritto che i morti non sono 1300 ma 500, si è fatto qualcosa di molto simile al revisionismo a base di letti vuoti all'ospedale, quindi niente vittime. Era la parola di un giornalista contro quella di centinaia di testimoni ed immagini ma l'articolo è subito diventato un'appendice delle sacre scritture. Se fate un giro sulla stampa filosionista, il nuovo profeta dei morti al ribasso è citatissimo.
Non importa che perfino il Jerusalem Post abbia scritto un onestissimo e lungo articolo dove dichiarava non ancora certo il numero delle vittime. Non importa che lo stesso IDF abbia affermato, in contrasto con le parole del Corriere, che i morti sono probabilmente proprio 1300 (seppur per la maggior parte non civili innocenti ma miliziani di Hamas) e per questo si sia beccato il rimbrotto dal governo israeliano (lo racconta sempre il JP).

L'importante è leggersi fino in fondo il libretto di istruzioni, rimanere sulla collina e suggerire al lettore che le cifre raccontate dai palestinesi sono false, perchè gli arabi sono bugiardi e dicono sempre il falso. Noi giornalisti invece, diciamo sempre la verità. Per definizione. Oh, ma solo quelli embedded, è ovvio. Gli altri sono sbilanciati.

OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

giovedì 22 gennaio 2009

Avvoltoi su Gaza

Rieccola, la cooperazione. Gli aiuti, i pacchi dono, la grande e nobile munificenza occidentale che si libera i magazzini e si purifica la coscienza dai morti provocati dalla sua inarrestabile cupidigia con un po' di merdosa beneficenza. Quella che si fa ai bisognosi, stando ben attenti che costoro non smettano mai di esserlo, bisognosi, se no non si nota più la nostra magnanimità.

Come era bello l'altra sera il nostro ministatista, quando annunciava che tanti bambini di Gaza sarebbero stati ospitati nei nostri ospedali con grande generosità e magari, aggiungo io, con la visita con consegna di pallone e gagliardetto della squadra del Milan, Kakà in testa (tanto sensibile e di chiesa, quel ragazzo). Quanto sarebbe stato più semplice non ferire quei bambini, non renderli orfani, non ammazzarli. Lasciarli in pace.

E' quella che Naomi Klein chiama Shock Economy, l'economia che nasce dai disastri e che è figlia del fallimento del capitalismo come sistema economico in grado di dare benessere a tutti e della sua neoplasia: l'ultraliberismo.
Di fronte alla saturazione del mercato, alla presenza di surplus, alla gente che, nei paesi ricchi, non compra più televisori perchè ne ha già tre in casa, cosa fa il sistema? Crea caos, distrugge per poi avere l'alibi di ricostruire. Di solito nel terzo mondo o comunque in casa d'altri.

Non è solo lo sfruttamento di disastri naturali, come dice Klein, ad esempio l'uragano Katrina a New Orleans e lo tsunami del sud-est asiatico, usati per imporre privatizzazioni selvagge contro l'interesse dei cittadini oppure lo shock provocato dal golpe, come nel Cile del '73.
A questo punto perchè non utilizzare più spesso il potenziale distruttivo delle guerre, fenomenali strumenti di sviluppo economico? Si buttano giù le case per far lavorare le imprese di costruzione. Quelle case bisognerà riarredarle, quindi ci vorranno televisori, lavatrici, mobili. Se buttiamo giù anche le strade ci vorranno ulteriori infrastrutture.
Il paradosso è che se si vogliono costruire strade, ospedali eccetera da noi nel primo mondo e senza prima distruggere niente mancano gli investimenti, investimenti che invece cadono a pioggia per gli appalti sulle opere di ricostruzione dei paesi colpiti da disastri o guerre. Strozzata e depredata dalla finanza, l'economia reale va in crisi e non ha altra scelta che partecipare al banchetto sui cadaveri delle guerre provocate al fine di offrirle una possibilità di rilancio. E' il trionfo della follia.

Le ultime guerre, è provato, sono state tutte ideate a tavolino diversi anni prima del loro inizio. Nel 1999 si parlava già di Iraq, Afghanistan, Iran e Siria. L'11 settembre, come auspicavano i teorici del Nuovo Ordine Mondiale (definizione di Bush papi risalente alla prima Guerra del Golfo), è stato l'evento catalizzatore che ha permesso, finora, di completare metà del piano. Dietro al quale vi è il controllo delle risorse, c'è chi dice le ultime, ed il controllo dei punti strategici del mondo. Il terrorismo è una patacca. Come si creano le guerre si crea anche il terrorismo. Tutto si crea e tutto si distrugge.

A Gaza, come in tutte le ultime guerre, si è messo in pratica lo schema della shock economy con l'aggravante della volontà di punizione collettiva di una popolazione che ha osato sbagliare la scelta del proprio governo, preferendo Hamas a Fatah. Shock and awe, appunto.
Per quasi un mese si sono bombardati civili, si è distrutto non i soliti ulivi ma interi palazzi, si sono danneggiate le infrastrutture, così i corvi degli investimenti internazionali e gli avvoltoi della cooperazione arriveranno a far vedere quanto sono buoni. I famosi aiuti umanitari dei quali un mondo veramente civile non dovrebbe mai avere bisogno, perchè sono l'emblema dell'ingiustizia.

A Gaza, con la tregua, sono entrati anche i giornalisti. Finalmente abbiamo saputo che i morti che ci sono stati per i bombardamenti israeliani, il fosforo bianco e le armi DIME , i tiri sull'ONU e la Croce Rossa sono colpa di Hamas. Israele nasconde il nome dei militari che hanno compiuto le azioni per paura che finiscano sotto processo in sede internazionale. Chissà perchè, se è tutta colpa di Hamas?
Ancora la storia degli scudi umani, come all'epoca di Saddam. I palestinesi sono morti perchè Hamas li ha gettati contro le bombe israeliane che arrivavano, quindi gli israeliani non hanno colpa. Come quando investi un cervo che ti si para improvvisamente davanti alla macchina.
Se si è massacrato il villaggio è perchè vi erano nascosti i partigiani. Anzi, macchè partigiani, i terroristi. Non esiste la Resistenza. Abbiamo intervistato i palestinesi e danno tutti la colpa ad Hamas.
Mi chiedo se, per scrivere queste cose, era necessario andare a Gaza.
L'ultima trovata dei volonterosi fiancheggiatori di Olmert è applicare i saldi al numero dei morti, con lo sconto. Non sono mica 1300, al massimo 500. Si, magari finirà come a Jenin dove furono solo 54. Lo sostiene l'inviato del Corriere, mica un blogger qualsiasi che a Gaza c'è dall'inizio del conflitto. Si ma lui è schierato, non vale, noi giornalisti siamo obiettivi.

Questo gioco al ribasso sui morti che insinua che non siano mai esistiti a me fa venire l'orticaria. Primo perchè è la parola dei vincitori e dei media unificati contro chi non ha mai avuto modo di parlare. E poi, chissà perchè, mi ricorda quei signori che si mettono a ragionare su quanto tempo ci mette un corpo a bruciare in un forno e quindi come è stato possibile bruciarne sei milioni in così poco tempo. Il paragone non suoni blasfemo. Com'è che si chiama, negazionismo? Non sarà clamoroso come quello ma puzza allo stesso modo.
Del resto si è sempre fatto. I turchi dicono ancora oggi che gli armeni, nel 1917, morirono per la maggior parte di indigestione, mica sterminati da loro, perchè erano terroristi e mica un milione e mezzo ma quattro gatti.




OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

martedì 20 gennaio 2009

Io, per Obama, mi tocco


Prima di abbracciare e baciare Obama, che da oggi diventa il 44° presidente degli Stati Uniti, dopo aver accompagnato Giorgino alla porta senza rimpianti e aver spinto fuori la carrozzella di Dick Cheney (peccato non fossimo ad Odessa sulla scalinata), bisognerebbe chiedersi: i neocon, i guerrafondai del PNAC, si levano anch'essi dai coglioni o rimangono a sorvegliare la bottega e a far in modo che Barack cambi l'America ma non troppo, ed in ogni caso non la cambi contro i loro sporchi interessi?

Certo questo Barack non è un pupo con i fili da manovrare come quell'altro, ed è stato eletto dal popolo, non dal gioco delle tre macchinette e dall'amico alla Corte Suprema. E' uno con due cosi così, uno tosto. Uno che in testa ha un cervello ed ha tutta l'intenzione di usarlo.
Tuttavia io non mi farei troppe illusioni. Ci sono troppe aspettative attorno a questa presidenza. Troppe vuol dire che non lo aiuteranno, tanto non può farcela comunque.

Toccare i sacri templi della sanità più cara ed iniqua del mondo? Prendere il figlio Israele, al quale finora le si è date tutte vinte, sdraiarselo sulle ginocchia e sculacciarlo sonoramente, dopo avergli dimezzato la paghetta e tagliata la cresta? Prendere i ladroni della finanza che hanno gettato l'economia sul lastrico e sbatterli per un ultimo giro di valzer a Guantanamo?
Non mi illudo. Lo lasceranno fare fino ad un certo punto. Oltre non potrà andare, a meno che una crisi veramente con le controminchie amare non permetta all'America una clamorosa ridefinizione delle sue priorità internazionali.

Ricordiamolo. E' il cittadino Barack Obama, è uno strafigo ma non è un Supereroe.

Intanto, se permettete, mi tocco anche in un altro senso. Vorrei che i soliti cronisti la smettessero, ogni volta che si parla del nuovo presidente americano, di citare Abramo Lincoln (tié), John Fitzgerald Kennedy (tié) e Martin Luther King (tiè, tiè). Non è carino accogliere il nuovo presidente distribuendo le mortine.

Auguri Obama, in culo ai portasfiga e che la Forza sia con te. E attento al lato oscuro.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

lunedì 19 gennaio 2009

You can orient my fucking dick

"…Voi avete ragione, ma qui siamo italiani e dobbiamo anche orientare il pensiero degli italiani su questa cosa". (Lucia Annunziata ad AnnoZero, via Robecchi)

"Israele per il momento si limita purtroppo a spazzare via le mele marce da sotto l'albero mentre dovrebbe tagliare l'albero stesso : nuclearizzi l'Iran, per cominciare, e quei vigliacchi di arabi si calmeranno tutti ; si fanno grandi perché sanno che rischiano poco o niente. Poi l'imbelle occidente se ne farà una ragione". (Commento di un lettore a caso beccato sul Giornale).

"A Gaza non vi è alcuna emergenza umanitaria". (Tzipi Livni)

Cara signora Annunziata, da donna a donna, di che si preoccupa? Non sente come sono già belli orientati gli italiani e anche le italiane? Mi potrebbe solo spiegare lei, che è maestra di giornalismo, cos'è questa mania delle bombe atomiche delle sciurette? Il tampax atomico sarebbe finalmente una gran bella botta, lo capisco, ma alla fine resterebbero troppi "frutti delle circostanze" da raccattare con il Mocio Vileda.

Non si preoccupi di riorientare noi povere balene che ancora ci facciamo impressionare dai bambini morti e ci disorientiamo ancor di più illudendoci che le donne, quando governano, possano essere meglio dei maschi o almeno cercare di evitare di essere delle assassine.
Orientarci? Meglio morire spiaggiate che ragionare come la terrorista figlia d'arte.





OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

domenica 18 gennaio 2009

Razzi amari

Santoro servo di Hamas", "Santoro ti manca solo di bruciare la bandiera di Israele", "Santoro la tua pace è unilaterale e senza Israele", "Santoro sta all'Anno Zero, noi al 5769" e "Santoro è un razzo contro l'informazione". [17 gennaio 2009]

Forse la chiusa del post precedente era troppo ottimista. E' vero che non bisogna confondere i governanti con i governati, soprattutto quando questi scatenano guerre sanguinose, però non dobbiamo nemmeno nasconderci il fatto che quel tipo di governanti sono bravissimi a toccare le zone erogene giuste del popolo, pancia ed organi molli annessi, dove risiede il peggio in termini di violenza, risentimento, razzismo, paura e paranoia.
Quel popolo abilmente titillato, arriva ad assomigliare molto ai suoi governanti e, con il consenso che riserva loro alle elezioni, probabilmente se li merita anche. Del resto per la politica è immensamente più facile fare un popolaccio che un popolo.

Nel caso specifico, con tutta la sfiducia che si può avere nei "sondagi", pare che il 94% degli israeliani intervistati sia favorevole alla tonnara di Gaza.
Rimane, sempre se vogliamo credere ai Piepoli del luogo, un misero 6% che, suppongo, comprende anche i "non so, non risponde". Una percentuale simile di consenso fa pensare ad un enorme bias di desiderabilità sociale che, detto in termini bovini, consiste nel rispondere ciò che l'intervistatore percepiamo si aspetti da noi.
Sarò ancora un volta ottimista: sono convinta che quelli che sono per la pace in Israele siano molti di più ma capisco che dirlo significa essere antisionisti, odiatori di se stessi, infami, traditori e antisemiti. Una condizione che penso difficilmente si verifichi negli altri paesi.

Detto questo, e ricordando che anche da noi ci sono le vecchie carampane impellicciate che delirano di bombe atomiche da sganciare perchè "siamo troppi", riferendosi probabilmente e soprattutto ai propri vicini di casa, vorrei ritornare sul post di ieri con una cronaca a margine che ho letto su un giornale online israeliano.

Ynet news.com fa la cronaca della conferenza stampa tenuta dal medico palestinese di cui si parlava ieri, quello della drammatica telefonata alla tv israeliana. Nell'incontro con i giornalisti, Abul Aish ha chiesto spiegazioni di quanto accaduto, in maniera molto civile, usando uno strumento democratico, l'informazione.
Ad un certo punto è stato interrotto da una donna israeliana, Levana Stern, madre di tre soldati impegnati a Gaza: "Siete impazzitii? Questa è propaganda. Sta parlando contro Israele all'ospedale Sheba. Dovreste vergognarvi. I miei tre figli stanno servendo a Gaza come paracadutisti. Chissà cosa teneva in casa? Che c'entra il fatto che sia un medico? I soldati sapevano ciò che facevano, avevi delle armi in casa, dovresti vergognarti. Ho tre figli soldati, perchè gli sparano? Dovreste tutti vergognarvi".

La risposta del medico è stata questa: "Mi rivolgo a tutti voi, al mondo intero, affinchè sappiate che le mie figlie sono state il prezzo più grande da pagare per la pace e non voglio che nessun'altro provi ciò che io ho sofferto. Voglio che siano il prezzo terribile che abbiamo dovuto pagare per il cessate il fuoco. Il governo israeliano deve dire la verità. Le mie figlie devono essere vittime per la pace, io sono armato solo di pace". Riguardo alle parole della donna, Abul ha detto: "Non vogliono vedere dall'altra parte, ne vedono solo una. Non vogliono vedere gli altri."

Dal canto suo, la signora Stern ha detto ai giornalisti: "Mi fa pena, il mio cuore è addolorato per ciò che è accaduto ai suoi figli e so cosa significa quando i figli muoiono e una famiglia è distrutta.
Però non capisco perchè il popolo di Israele gli dà un microfono per parlare all'ospedale mentre i nostri soldati giacciono qui feriti. Che racconti pure la storia ma una volta e basta."

Ieri sera mi sono fermata in libreria ed ho acquistato "Sconfiggere Hitler" di Avraham Burg, un libro che ha provocato un enorme dibattito in Avraham BurgImage via WikipediaIsraele e che è stato recensito in maniera velenosa da Benny Morris su "il Sole 24 ore". Mi ha colpito il titolo di un capitolo: "Le Shoah degli altri".
In sintesi Burg dice che dalla Shoah bisognava imparare una lezione molto più alta del "mai più", quella cioè del "mai più a nessun popolo del mondo".
E' la solita vecchia questione. Il giorno della memoria si ricorda la Shoah e non il Porraimos della gente rom e sinti o l'olocausto omosessuale o quello dei disabili, pur dovuti alla stessa mano nazista, perchè in qualche modo bisogna mantenere il primato della sofferenza ebraica su quella degli altri. Per poter essere giustificati a difendersi comunque, anche in modo eccessivo ed irrazionale. Per poter essere esentati dal dovere di empatia ed immedesimazione nei confronti del nemico, e poterlo considerare liberamente disumano, un untermensch.
Burg definisce la Shoah una malattia ed è una definizione che condivido. Un trauma, se rimane irrisolto, porta solo alla volontà di distruzione, degli altri e di sé stessi.

Burg propone ed invoca un neoumanesimo ebraico, un modo nuovo di vedere la propria identità nazionale, che si allontani dal disumanesimo sionista e che dalla Shoah tragga l'insegnamento che nessun popolo deve dubire ciò che ha subito il popolo ebraico. Sembrano cose ovvie ma in un paese che si attacca disperatamente ad un totem negativo, che si fa rappresentare da una ideologia fallimentare e morente ma che non vuol morire, il cui emblema è l'Ariel Sharon attaccato alle macchine per respirare, dirle diventa un atto di coraggio.
Israele dà sempre la colpa agli altri così può attuare la sua strategia di proiezione delle responsabilità. La pace sarà possibile solo quando Israele farà delle concessioni, che dovranno essere per forza unilaterali. La prima di tutte sarà il dover per forza considerarsi uguali agli altri.

La chiave di qualsiasi Pace è nella solidarietà e nell'empatia. Ho l'impressione che un Burg e un Aish potrebbero parlarsi, comprendersi ed arrivare in breve tempo alla pace.

La signora Stern non dice quelle cose perchè è cattiva, o perchè è parente della sciuretta impellicciata che butterebbe le atomiche per farsi largo, è solo stata abituata a considerarsi superiore agli altri, è parte integrante di una ideologia che è incapace di immedesimarsi nella sofferenza degli altri ma solo nella propria e arriva a considerare la morte di un cane colpito da un missile Qassam in Israele, più commovente di quella di 1300 palestinesi.

P.S. Una curiosità, visto che, per certe cose sono una donna all'antica: che ci fanno le teste rasate in bomber al Portico d'Ottavia?



OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

sabato 17 gennaio 2009

Il suono del dolore



La versione che hanno pubblicato alcuni giornali online italiani (due a caso, il Corriere della Sera e ilGiornale) non rende l'idea dell'atroce, quasi insostenibile drammaticità di questo video.
Come al solito, i fatti possono essere raccontati in maniera iperrealistica e rispettando l'unità di tempo e di luogo, lasciando la parola e l'urlo ai protagonisti ed alle loro percezioni ed emozioni, come qui, oppure se ne può fare un riassuntino, uguale a tutte le altre tragedie già viste e riviste, con il commentuccio didattico che non dice assolutamente niente. Magari togliendo anche la parte più importante del video: la voce del pianto di quest'uomo. Come suonare il Rach 3 su una tastiera finta, con il clac-clac-clac delle dita sui tasti muti.
Guardate entrambe le versioni del filmato e poi ditemi se è la stessa notizia che ha riportato il Los Angeles Times.

Abul Aish è un medico palestinese che lavora in un ospedale israeliano come ginecologo, aiutando i bimbi a nascere. Grazie proprio a questa vicinanza con la società israeliana, va e viene da Zimmo Gaza, dove vive, all'ospedale di Tel Hashomer, vicino a Tel Aviv.
Sua moglie è morta di cancro lasciandolo solo con otto figli. Collabora con una rete televisiva israeliana, la 10, per la quale racconta questa guerra, questi bombardamenti. A Shlomi, il giornalista che si vede nel video, aveva confidato più volte le sue paure per l'incolumità dei figli.

Venerdì sera, mentre stanno per intervistare Tzipi Livni, alla "10" ricevono la disperata telefonata di Abul. Un tank ha colpito la sua casa, tre delle sue figlie sono morte.
Per tre minuti, in diretta, va in onda, senza tagli e pubblicità, il suono più atroce che possa uscire dalla gola di un uomo: il pianto per i figli morti. L'abisso del dolore.
Shlomi è impietrito, cerca di farsi dire esattamente dove si trova Abul, per mandargli un ambulanza ma lui dice che non serve, le ragazze sono morte, riesce solo ad invocare disperatamente Allah. Ad un certo punto Schlomi dice: "Non posso riattaccare questa telefonata, vado via dallo studio, non posso riattaccare."

Questo pianto, questa disperazione, ci sconvolgono (almeno coloro tra noi che riescono a rimanere umani), ma che effetto avranno su quelli che un brutto giorno si siedono ad un tavolo per decidere di mandare i loro soldati (loro no, non si sporcherebbero mai le mani di sangue) a tirare una cannonata su una casa con della gente dentro?
E' vero, la disumanità, come dice Cloro, si diffonde peggio del virus Ebola, nonostante l'overloading di informazioni. Ci stanno allenando a disumanizzarci disumanizzando l'avversario.
Però ho visto Shlomi e la sua collega addolorati e, direi, incapaci di trovare una spiegazione a ciò che stava accadendo.
Anche questa reazione andava sottolineata, nel riportare la notizia per i lettori ruminanti italiani. E bisognava dire che i telespettatori israeliani sono rimasti sconvolti da questo filmato quando il pianto di Abul ha risuonato come una sirena d'allarme nelle loro case.
Altrimenti si può pensare che i popoli siano uguali ai sociopatici figli di puttana senza rimorso, senza emozioni e senza cuore, che li governano.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

venerdì 16 gennaio 2009

Israele deve difendersi (va bene questo titolo?)

Lo confesso, noi psicologi siamo bastardi, come quel Zimbardo che mise su l'esperimento del carcere, dimostrando che, nella parte del secondino, ognuno di noi ha, nei meandri dell'inconscio, un Abu Ghraib da ricreare.
Ci piace creare situazioni per testare le reazioni della gente. Soprattutto in circostanze emotive forti, coinvolgenti.
L'esperimento è pienamente riuscito.

Il titolo dell'ultimo post era volutamente provocatorio. Anzi disturbante. Se vi può consolare disturba anche me, però andava utilizzato come esca.
Avrei potuto usare anche la parola chutzpah, forse più appropriata ma non l'avrebbero capita che in pochi.
Pensavo ai coloni nei territori occupati, che portano si l'emblema religioso però assieme al mitra, anzi anche il mitra per loro è un emblema religioso e le due cose si confondono. E allora parliamone. Dov'è lo scandalo?
Cos'è, per caso gli emblemi religiosi, le croci, le mezzelune, le croci di david non sono mai state utilizzare come armi contundenti e letali? Ma stiamo scherzando? Non sono le religioni causa di conflitti? Gott mit uns può essere tradotto in ogni lingua e religione.
Oppure è lo stesso ragionamento che si fa per le bandiere? Bruciare una bandiera è come bruciare un intero popolo?

Nell'ultimo post raccontavo cose orribili, corredandole con la foto di cinque piccole vittime avvolte nei sudari; ho fornito, a chi avesse avuto la forza di guardarle, il link alle immagini delle gambe maciullate dalle armi DIME e ho raccontato dello stronzo che vuole bombardare Gaza con le atomiche. Uno che non è un Borghezio qualsiasi ma un ex ministro del governo israeliano.
Ho perfino parlato di tette, di capezzoli, per vedere di far salire l'adrenalina almeno nei maschi, ma niente. Lo scandalo è rimasto il titolo. Non i bambini morti, non i crimini, non la guerra ma un titolo.
Il primo commento che ho ricevuto è stato significativo. Diceva, più o meno, mi piace il tuo blog però ultimamente, parlando di Gaza, stai diventandomi antisemita. Il che vuol dire che svicolare dal pensiero dominante, di cui il titolo rassicurante e politically correct di questo post è un perfetto esempio, non è permesso perchè è ansiogeno.

Un mio commentatore ha scritto, nel post maledetto: "Ahi, ahi, ahi, la sindrome dell'Annunziata. Vede i bimbi morti, si turba ma non dovrebbe perchè sono piccoli wannabe terrorists, quindi piccole bestiole senza importanza. Allora si incazza con Santoro perchè le ha provocato turbamento e se ne va, così non si turba più. Questi sono i turbodemocratici.
Vedo che anche nel tuo blog le Annunziate, con i paletti o senza, si turbano e si incazzano. Ma tu continua così, che gli intellettuali ebrei scrivono anche di peggio su Israele. Quelli che sono rimasti umani, è ovvio".

Condivido. L'Annunziata ha sbroccato esattamente un minuto secondo dopo che è stata nominata la Shoah. Prima la discussione era rimasta talmente pacata che stava risultando quasi noiosa.
E' stato un riflesso pavloviano. Deve essersi detta, dopo essere andata internamente in Defcon 2, oddìo, qui si nomina la Shoah, devo smarcarmi. E ha sbroccato. Poi, per la serie "identifichiamoci con gli aggressori", se n'è andata, esattamente come fece Berlusconi con lei.

Quello che trovo vergognoso, come al solito, è l'attacco a Santoro e ad una trasmissione che dichiaratamente portava a conoscenza dello spettatore italiano, inscimunito dal Serenase somministrato ogni sera dal telegiornale monocolore israeliano, il punto di vista dei palestinesi. Che sarà mai, una dose di Santoro alla settimana tra due flebo di Pagliara al giorno prima e dopo i pasti.
Una trasmissione schierata ma senza dimenticare, per la verità, anche le voci israeliane. Soprattutto quella di una persona come Manuela Dviri che ha saputo, dalla tragedia personale della perdita di un figlio, trovare la forza di battersi per la pace dialogando con "il nemico".
Mi è piaciuto meno l'ultimo ragazzo che ha parlato, quello che ha detto che, certo, "dispiace per i bambini che sono mancati". E' mancato all'affetto dei suoi cari, come si dice.
No, amico in kippah, che ti adorni di un nobile simbolo religioso che non andrebbe offeso in un volgarissimo blog, sono morti ammazzati, ammazzati da una classe dirigente criminale che è responsabile anche della sofferenza dello stesso popolo israeliano, costretto a vivere in uno stato di paranoia indotta. Noi non dobbiamo permetterci di paragonare questi 1100 morti alla Shoah però anche tu la nomini un po' troppo alla leggera.

Israele, intesa come entità nazionale collettiva, si sta comportando come si comporterebbe una persona profondamente disturbata. E' come una donna che è stata violentata, traumatizzata. Ogni uomo che vede vorrebbe farlo sparire, annientarlo, ucciderlo. La sua non è aggressività, è aggressione, ovvero la reazione dell'essere che si sente in pericolo di vita e reagisce colpendo alla gola. Non si potrà mai fare la pace con un paese traumatizzato, che i crimini che commette è convinto di doverli compiere per autodifesa. Se stermino tutti gli uomini del mondo nessuno più potrà violentarmi. E dopo che avro sterminato gli uomini mi accorgerò che anche le donne mi guardano male.

E' colpa della Shoah, certo ma anche di una classe politica che in sessant'anni ha sfruttato ignobilmente il ricordo del trauma, mantenendolo vivo per poter portare avanti un progetto coloniale su base razziale. Non lo dico io, lo dice un politico israeliano, Avraham Burg, che ha scritto un libro che si intitola nientepopodimeno che: "L'Olocausto è finito, dobbiamo risorgere dalle sue ceneri".
Per Burg, Israele è una società malata, «un ghetto di bellicoso colonialismo» «paranoico» e «schizofrenico» in conseguenza dell'Olocausto. Egli parla dell'«assoluto monopolio e il predominio della Shoah su ogni aspetto delle nostre vite». Come Norman Finkelstein, anche Burg parla dell'«industria dell'Olocausto» e, spingendosi un passo oltre, dell'«epidemia della Shoah».
Nel libro di Tom Segev "Il settimo milione" è spiegato come la Shoah sia diventata l'arma più potente in mano al sionisti per difendere il loro fallimentare progetto coloniale. Perchè un paese costretto a difendersi da sessant'anni è un fallimento. La Shoah come arma e tabu assieme. La nuova Arca dell'Alleanza dai poteri tremendi.Uri AvneryImage via Wikipedia

Uri Avnery, ha inviato un appello ad Obama indicandogli la via per giungere alla pace in Medio Oriente. Il suo messaggio è veramente troppo utopistico per poter essere accolto, visti i personaggi in ballo dall'una e dall'altra parte, ma è bello che qualcuno possa ancora coltivare progetti di pace in quella parte di mondo.

Gli ostacoli alla pace sono le classi dirigenti. Compresa quella israeliana, che non è formata da dei terribili ed infallibili ma da persone che dovranno prima o poi fare un atto di umiltà.

Norman Finkelstein
ha detto di recente:
"Ogni anno, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite vota una risoluzione intitolata "Sistemazione pacifica della questione Palestinese", ed ogni anno il risultato della votazione è sempre lo stesso: il mondo intero da un lato e dall’altro Israele, Stati Uniti, alcune isole del Pacifico Meridionale ed Australia. L’anno scNorman Finkelstein giving a talk at Suffolk Un...Image via Wikipediaorso la votazione fu di 164 voti a favore della risoluzione e 7 contro. Ogni anno dal 1989 (nel 1989, il risultato della votazione fu di 150 a 3) da un lato c’è il mondo intero e dall’altro gli Stati Uniti, Israele e lo Stato-isola della Dominica.
[...] Credo sia abbastanza chiaro quello che deve succedere. In primo luogo, Stati Uniti ed Israele devono unirsi al resto della Comunità Internazionale, devono rispettare il Diritto Internazionale. Non credo si debba sottovalutare quest’ultimo punto, è una questione molto importante. Se Israele non rispetta il Diritto Internazionale, la si deve rendere responsabile delle sue azioni, esattamente come qualsiasi altro stato del mondo.
[...]
Obama deve essere sincero con il popolo americano. Deve essere onesto in relazione a qual’è il principale ostacolo per risolvere il conflitto. Non è il negazionismo; è l’attitudine di Israele, spalleggiata dal governo degli Stati Uniti, a non rispettare il Diritto Internazionale, a non rispettare l'opinione della comunità internazionale.
E la principale sfida per tutti noi, statunitensi, è vedere attraverso le bugie.

Voci che è meglio non si ascoltino in prima serata. Meglio i Fini che parlano di livelli di indecenza, i Veltroni che si adombrano, le Annunziate che se ne vanno, gli ambasciatori israeliani che si impicciano di libertà di parola in casa d'altri e i Petruccioli che fanno si si con la testa.
La pelle si accappona un po' a tutti in questi giorni, e non solo per le immagini della guerra e per i titoli canaglia.

OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

giovedì 15 gennaio 2009

Serial Kippah

"Il popolo di Israele non sarà sicuro finché Hamas governa la Striscia di Gaza. Dobbiamo proseguire la guerra fino alla sua distruzione. Dobbiamo fare esattamente ciò che fecero gli Stati Uniti d’America con il Giappone durante la Seconda guerra mondiale, così non ci sarà bisogno di occupare Gaza”. (Avigdor Lieberman, presidente del partito fondamentalista “Israel Beitena”)

Immaginate un serial killer che scorrazzi in una città uccidendo centinaia di persone, compresi i bambini, distruggendo ogni cosa sul suo cammino e le autorità dicessero: "Poverino, ha sofferto tanto. E poi sono loro che gli rovinano le petunie in giardino, ha diritto di difendersi." Senza che nessuno pensi di fermarne la furia distruttrice ma anzi incoraggiandola.
Sembra un po' la sindrome di Olindo e Rosa su vasta scala ma fate finta che non l'abbia detto. Questo è ciò che sta succedendo in Medio Oriente ma secondo le autorità mondiali tutto ciò è normale: colpire i civili indiscriminatamente, sparare sulla Croce Rossa, sull'ONU, sugli ospedali, sulle navi che cercano di portare gli aiuti. Non sono pazzi loro, siamo noi che siamo antisemiti.

Tutto questo mentre l'Italia guardona sbava, come un sol Pierino dal buco della serratura, dietro alla nuova incarnazione della Saraghina tettona, come se non avesse mai visto finora un paio di chili di silicone sballonzolanti e neanche se l'ipertrofia mammaria fosse un'emergenza nazionale.
Non solo, si seppelliscono con tutti gli onori altri complici di assassini, riempiendo i giornali di tonnellate di falsità maleodoranti e milioni di vecchietti vengono truffati dalla banda delle Povercard vuote, come nemmeno gli imbroglioni di professione all'autogrill con i lettori dvd di cartone pieni di segatura. Paese di merda.
Drogati dal Grande Capezzolo è inevitabile che sulla copertura mediatica di Gaza cominci a calare, più che il piombo fuso degli israeliani, il piombo della stanchezza. Superati i mille morti l'interesse comincia a scemare, proprio quando invece le cose iniziano a farsi interessanti.

Sono in campo armi nuove e terribili, le bombe DIME che spolpano e maciullano selettivamente gli arti, offerte dai mercanti di morte per un test gratuito direttamente sulle gambe palestinesi, notoriamente di scarso valore di mercato. (Qui c'è un link che ne mostra gli effetti ma vi avverto, le immagini non sono adatte a persone impressionabili, guardatele solo se ve la sentite e avete lo stomaco molto forte).
Poi il fosforo bianco che, secondo la solita Erinni portavoce dell'esercito, sempre intervistata dai nostri media come se fosse la bocca della verità, serve solo per illuminazione e per ammazzarti meglio e un simpatico estremista (quello della citazione iniziale) che vorrebbe addirittura le atomiche su Gaza, così da far prima a pareggiare i conti. Ma si, che sono mille morti in fondo, una cagatina di mosca. Passiamo ai milioni, che ci divertiamo. Tanto il 94% approva (alla faccia di B'Tselem, Gush Shalom e degli altri tantissimi israeliani che rimangono umani e che il regime sionista vorrebbe non esistessero.)

Le cose si fanno interessanti, dicevo. Si, pare che al largo di Gaza vi siano importanti giacimenti di gas che in teoria apparterrebbero ai palestinesi e che dietro a questa risorsa energetico-strategica da tempo si combatta una guerra sotterranea tra Egitto, Gran Bretagna, Palestina e Israele per il suo controllo.
Lasciando la favoletta della tregua violata dai cattivi di Hamas ai bambini piccoli, sempre più fonti fanno risalire la decisione israeliana di attaccare Gaza allo scorso mese di giugno, visto che queste non sono scampagnate che si improvvisano, mentre i giornali americani, meno appecoronati dei nostri, parlano del rifiuto di Bush di avallare un attacco israeliano all'Iran, rifiuto che avrebbe scontentato parecchio Olmert e soci. Olmert, già. L'inquisito dei cui imbrogli nessuno parla più.

L'esercito dei volonterosi reggitori di sacco dei massacratori con l'alibi del missile nel giardinetto intanto in Italia si allarga ogni giorno di più, comprendendo ormai tutti i vecchi cascami della cosiddetta sinistra democratica. L'ossuto Fassino, il cicciobello ripetutamente trombato ed anche il presunto leader del PD che stavolta ha lasciato il maanche a casa e si schiera anche lui, da bravo sottomesso, con il pensiero unico dominante.
Tutti ormai soggiogati e con la loro bella molla da tirare dietro la schiena per ripetere con voce metallica: "Israele ha ragione, la colpa è di Hamas che ha infranto la tregua" e la testolina che fa si si.

A questa gente, dei più di trecento bambini morti, per non parlare degli altri settecento adulti bombardati e delle migliaia di feriti senza medicine, insomma di questa immane e vergognosa ingiustizia, non gliene frega un cazzo.
L'unico che resiste sul palcoscenico della sceneggiata chiamata " 'O pposizzione ", nella classica parte del malamente, nonostante i fischi di una platea sempre più appiattita sulle posizioni governative di politica estera e quindi indistinguibile dalla maggioranza, è D'Alema. Uno solo contro tutti. Rilevanza zero, direbbe qualcuno. Tracce, se fosse albumina nelle urine.

Eppure, nonostante i media unificati che nascondono i bambini morti e taroccano le cifre, e le foto, le maggioranze e le opposizioni che cantano all'unisono l'inno israeliano, senza nemmeno un piccolo Travaglio di coscienza, talmente forte che le uniche due o tre stecche fuori dal coro manco si sentono, c'è chi non è ancora soddisfatta:

"In questi giorni le nostre piazze sono servite a maledire l’unica democrazia del Mediorente, un Paese da cui neppure in questi giorni è uscita una sola parola d’odio*, che ha attaccato solo quando Hamas ha rifiutato la tregua e sparato 100 missili in una notte dopo sette anni di incredibile pazienza". (Fiamma Nirenstein)


*A parte magari quelle del bombarolo atomico Lieberman, ex ministro degli Affari Strategici.

***
Mi fanno giustamente notare che il titolo fa accapponare la pelle. Il titolo, non l'immagine o le parole di Lieberman che invocano l'uso dell'arma atomica per compiere, penso, uno sterminio.

OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

martedì 13 gennaio 2009

Gli irrilevanti

"Molti americani ed europei non sanno trovare Gaza sulla mappa. Molti americani ed europei non hanno idea di chi fosse Rachel Corrie. Ad oggi, gli eventi che condussero alla sua morte sono controversi ma un fatto è certo: Rachel Corrie e i suoi simpatizzanti sono irrilevanti". (Dal sito denigratorio rachelgolem.com)

C'è un sito abominevole, uno dei tanti mantenuti dagli estremisti sionisti ed i loro volonterosi simpatizzanti, ancora peggio del farneticante ed osceno Masada2000 dei seguaci del rabbino fascista Meir Kahane, perchè si propone, facendo l'apologia della delazione e dell'omicidio mirato, di offrirsi per tenere fermi gli attivisti per la pace in Medio Oriente mentre i soldati dell'IDF gli sparano contro.
Se i soldati non riuscissero ad individuare i "terroristi" ci penserebbero gli eroi di stoptheism.com ad indicarglieli, fornendo loro coordinate, indirizzo, codice fiscale e anche calcoli balistici per colpirli meglio.
Il sito è americano, della zona di Washington D.C. ed è vicino agli ambienti degli ebrei di origine russa, oltre a vantare alleanze con la JDL, quella che sui muri delle case palestinesi e sul muro della vergogna scrive "GAS THE ARABS" e "ARABS TO THE GAS CHAMBERS".
L'identificazione con l'aggressore di freudiana memoria.

Parliamo di questi ignobili individui perchè, oltre agli "ebrei che odiano se stessi" rinnegati e traditori della nobile causa sionista, colpevoli di farsi impietosire dalla tragedia di Gaza o semplicemente di non essere razzisti fanatici, essi prendono di mira gli attivisti per la pace dell'International Solidarity Movement come Ewa Jasiewicz, della quale dicono:
"Ewa Jasiewicz deve essere colpita dalle forze dell'IDF visto che è a Gaza per lavorare per Hamas e altri gruppi terroristici palestinesi. Ecco una foto di Ewa. Se sapete esattamente dove si trova, mandateci una mail così possiamo prenderla di mira e sbarazzarcene una volta per tutte".
A seguire, sulla stessa pagina, c'è il nostro amico Vittorio Arrigoni, che viene identificato addirittura come il loro obiettivo numero uno: "L'IDF dovrebbe considerarlo come un operativo di Hamas e trattarlo di conseguenza." Una vera e propria istigazione all'omicidio.
Semplice idiozia di alcuni fanatici? Un bluff? Non la metterei giù in maniera così semplicistica. Sono veramente pericolosi, come tutti coloro che sono convinti di stare dalla parte dell'unica ragione.

Qual'è la mentalità che sta dietro al desiderio di rastrellare gli amici dei nemici e passarli per le armi?
Ricordate Rachel Corrie, la ragazza schiacciata da un caterpillar guidato da un soldato israeliano ipovedente (secondo la versione ufficiale dell'IDF), che però riuscì a centrarla in pieno uccidendola, mentre si opponeva alla distruzione delle case palestinesi?
Esiste un sito, www.rachelgolem.com/corrie.htm, (non lo linko direttamente, come gli altri che nomino in questo post, per cui copincollate se avete voglia di liberarvi lo stomaco invece di usare le classiche due dita in gola), una sola paginetta piena di veleno, che termina con la frase che ho citato all'inizio, vero manifesto dell'ideologia della disumanizzazione dell'avversario.
Non a caso in stoptheism.com si prendono di mira i genitori di Rachel, accusati anche loro di terrorismo e additati alla pubblica gogna perchè raffigurati in una foto assieme a Yasser Arafat. Non vi sarà perdono per chi giacerà con il nemico. Tutto ciò è molto biblico, tipico di quel dio vendicativo e sterminatore, i cui dardi sono così simili alle armi che piovono in questi giorni su Gaza e che ripetono ossessivamente la superiorità del figlio legittimo su quello "bastardo". Isacco vs. Ismaele.

Se l'avversario è disumanizzato non sarà richiesto di rispettarlo da morto. Un volta espulso dal consorzio umano e ridotto ad una forma subumana per la quale non esiste compassione, pietas e quel meraviglioso sentimento che ci rende umani che è l'empatia, uccidere l'avversario non comporta più sensi di colpa. Tutti i totalitarismi del secolo scorso si sono fondati sulla disumanizzazione dell'avversario e la società attuale ormai ragiona negli stessi termini, almeno da quando è stata creata la guerra alla terrorismo. Per il nemico non vi è pietà neppure da morto. Le stesse frasi spietate riservate a Rachel vengono rivolte da anni ormai alla memoria di Carlo Giuliani.

Sono d'accordo che la mentalità che considera il nemico in questo modo disumanizzato sia un tratto di sociopatia, stato mentale caratterizzato dall'assoluta mancanza di rimorso per le azioni malvage compiute. Sociopatia che può benissimo estendersi a livello sociale fino a farsi tratto di gruppo e, ancor su più vasta scala, nazionale.

Fondamento della disumanizzazione dell'avversario è la pretesa di superiorità e la consapevolezza fideistica di essere dalla parte della Verità. Normalmente lo chiamiamo fanatismo o fondamentalismo e la propaganda ci ha insegnato che sono solo gli islamici a ragionare così, per cui (capito il trucco?) dobbiamo disumanizzarli e distruggerli al termine della lunga guerra al terrorismo. Il meccanismo di proiezione è anch'esso fondamentale per allontanare da sé gli ultimi frammenti di senso di colpa e sentirsi ancor più simili al Dio Sterminatore.

E' una mentalità, dicevo, che si nutre di delazione, di denuncia, di umiliazione dell'avversario e di chi, tra la propria gente, non si sottomette all'ideologia e vi si ribella. E' il mondo dove i nostri valgono doppio e gli altri sono irrilevanti. Tutto ciò è la quintessenza del totalitarismo.

***
Finalino con l'ineffabile Pagliara.
Ieri sera, parlando come al solito dal confine di Gaza: "I morti sono ormai 900, un terzo dei quali civili."
Voleva dire "un terzo dei quali bambini" ma eravamo in fascia protetta.

OKNotizie Vota questo post su OKNotizie!

lunedì 12 gennaio 2009

Laghi di lacrime

Tra qualche giorno lo seppelliranno nel Duomo di Faenza, con tutti gli onori del caso. La notizia mi inquieta e mi rattrista. Penso che non metterò più piede in un luogo dove andrà a riposare (ma ne siamo sicuri? E se per caso esistono un Dio e relativo Inferno?) una persona tanto discussa, sulla quale pende un'accusa nientemeno che di connivenza per crimini contro l'umanità. Non andrò più nello splendido Duomo della mia città se non con estremo fastidio e proprio se costretta. Già l'aver scoperto di aver frequentato le medie nel luogo dove bazzicarono Eichmann e Mengele mi traumatizzò abbastanza, a suo tempo.

Una ventina di anni fa gli diedi perfino la mano. Ero ad un convegno di bioetica qui a Faenza come semplice spettatrice e lui penso mi scambiasse per qualcuna che conosceva perchè venne verso di me e mi salutò con un calorosissimo "Buonasera, signora! Come va?"
Solo tempo dopo lessi cosa si diceva di lui, che avesse avallato i sequestri, le sparizioni, le torture e gli abomini compiuti dai generali argentini con i quali amava giocare a tennis.

Nel 1997 le madri di Plaza de Mayo depositarono una denuncia contro di lui, circostanziata dalle testimonianze di ex torturati, sacerdoti e operatori umanitari. Lo si accusava come minimo di non aver ostacolato l'atroce repressione di almeno 30.000 persone invise alla dittatura fascista.
Gli si attribuisce un discorso nel quale avrebbe di fatto benedetto la guerra sucia:
Il Paese ha un’ideologia tradizionale e quando qualcuno pretende di imporre altre idee diverse ed estranee, la Nazione reagisce come un organismo, con anticorpi che fronteggiano i germi: così nasce la violenza. I soldati adempiono al loro dovere primario di amare Dio e la Patria che si trova in pericolo. Non solo si può parlare di invasione di stranieri, ma anche di invasione di idee che mettono a repentaglio i valori fondamentali. Questo provoca una situazione di emergenza e, in queste circostanze, si può applicare il pensiero di san Tommaso d’Aquino, il quale insegna che in casi del genere l’amore per la Patria si equipara all’amore per Dio”.
Lui si difese sostenendo di non aver saputo, all'epoca, la verità. Strano, per uno che ha sempre occupato posizioni di grande rilievo e importanza strategica nella diplomazia vaticana.
Eppure c'è chi testimonia di averlo visto visitare i luoghi di tortura, non per liberare i prigionieri ma per studiare un modo "cristiano" per conciliare le torture e gli stupri delle prigioniere con la necessità di portare a termine le loro gravidanze. Per dare poi in affidamento i bambini agli stessi assassini delle loro madri. Purchè non andasse sprecata una vita.
Lo scrittore e pacifista cattolico Adolfo Perez Esquivél ha raccontato, in un intervista, che parlando con il cardinale del perchè non fece nulla per salvare i perseguitati lui si schermì: "Che vuole che faccia, non posso fare quello che i vescovi argentini non vogliono fare". Come se l'autorità di un vescovo non fosse inferiore a quella di un Papa eventualmente informato degli atroci crimini in corso nel paese sudamericano.

La denuncia dell'associazione delle Madri di Plaza de Mayo ovviamente cadde nel vuoto, avendo immediatamente il Vaticano brandito l'immunità del cardinale, l'arma infallibile grazie alla quale pedofili, fiancheggiatori di dittature sanguinarie e bancarottieri hanno sempre avuto il cristiano perdono pontificio e la possibilità di sfuggire alla giustizia degli uomini.

Ora che il cardinale Pio Laghi è morto, e non certo per il vezzo che chi muore è sempre una brava persona, la sua reputazione che, per pietà cristiana definiremmo chiacchierata, sta subendo un vero e proprio candeggio mediatico, con cancellazione di tutte le macchie più difficili.

Delle ombre di quando era nunzio in Argentina, dal 1974 al 1980, non ne parlano il Resto del Carlino, il Corriere e la Reuters, per il quale il cardinale Laghi diventa addirittura un"inviato di pace del Papa". L'esperienza argentina scompare, desaparecida.
La Repubblica si arrampica sugli specchi: "dal '76 all' '80 nunzio in Argentina (dove i suoi tentativi di mitigare la durezza della dittatura militare furono criticati fino all'accusa di connivenza con i sanguinari generali)".
La Stampa aggiunge il prelavaggio: giocava si a tennis ma con Bush padre. Spariscono invece le voléé e i serve and volley con il generale Massera, il criminale.

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel messaggio di cordoglio, rende omaggio "alla sua passione per le grandi questioni internazionali". E nel centrodestra manca poco che lo vogliano santo subito.

Solo l'Unità e l'informazione alternativa raccontano i retroscena del soggiorno argentino del nunzio Laghi, già documentati in passato da decine di pubblicazioni su una delle pagine più buie del secolo appena trascorso. A chi conosce la storia del Sudamerica torturato dagli interessi delle multinazionali e dagli sgherri addestratati alla Escola de las Americas, il cardinale è sempre stato un personaggio di primo piano.
Le connivenze del Vaticano con le dittature fasciste non sono del resto una novità. Tutti ricordiamo la visita affettuosa di Karol Wojtyla al boia Pinochet e la durezza con la quale il Papa polacco ignorò le lacrime di Monsignor Romero, vescovo venuto in Vaticano in cerca di conforto ed aiuto per il suo popolo, invitato a non ribellarsi contro il regime di El Salvador e quindi martire assassinato da uno squadrone della morte, sull'altare.

Forse solo il Dio che Pio Laghi diceva di rappresentare in terra potrebbe conoscere la verità sul suo operato. Di fatto, la giustizia degli uomini è rimasta a bocca asciutta, essendocisi avvalsi del privilegio dei potenti di evitare il giudizio.
Ho l'impressione che la verità sarà sepolta e sigillata assieme al cadavere e, assieme a loro, anche la sete di giustizia di trentamila anime.



OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

domenica 11 gennaio 2009

Il paese che schedava i poeti



Il mio bambino, il mio
il mio
labbra grasse al sole
di miele di miele
tumore dolce benigno
di tua madre
spremuto nell'afa umida
dell'estate dell'estate
e ora grumo di sangue orecchie
e denti di latte
e gli occhi dei soldati cani arrabbiati
con la schiuma alla bocca
cacciatori di agnelli
a inseguire la gente come selvaggina
finché il sangue selvatico
non gli ha spento la voglia
e dopo il ferro in gola i ferri della prigione
e nelle ferite il seme velenoso della deportazione
perché di nostro dalla pianura al modo
non possa più crescere albero né spiga né figlio
ciao bambino mio l'eredità
è nascosta
in questa città
che brucia che brucia
nella sera che scende
e in questa grande luce di fuoco
per la tua piccola morte.

(Sidùn (Sidone) - Fabrizio De André, 1984)
"Il De André Fabrizio, noto cantautore, pur essendo studente universitario fuori corso in giurisprudenza, si interessa di questioni artistiche, provvede alla incisione dei dischi delle proprie canzoni, ha effettuato qualche spettacolo in televisione, ma non appare mai nei pubblici teatri. Accompagnato sempre dalla moglie, viaggia a bordo dell'auto Fiat 600 targata GE-293864 ed è titolare del passaporto nr. 5191279 rilasciato a Genova il 10.12.1969. Non risultano precedenti penali a suo carico, salvo una denuncia, risalente al 28.8.1959 ad opera della Polizia di frontiera di Bardonecchia, per danneggiamento su edificio destinato al culto. In linea politica, pur non essendo aderente ad alcun partito o movimento - viene indicato come simpatizzante per l'estrema sinistra extraparlamentare e frequenta, in Genova, persone note per tale orientamento o favorevoli al PCI e al PSIUP". (Questura di Genova, 1969)

OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...