mercoledì 6 gennaio 2010

Marketing virale. 184 milioni di euro buttati nel cesso e gli italiani che non fanno una piega

Si erano fatti scudo persino di un innocente simbolo dell'infanzia dei quaranta-cinquantenni, il mite Topo Gigio, fatto passeggiare sulle spalle dei bravi (nel senso manzoniano) Bonaiuti e Fazio nel corso di una pantomima di presentazione della campagna di vaccinazione contro il virus-spauracchio H1N1. Fazio, il compare del ministro e marito della caporiona di Federfarma, Sacconi, non aveva giurato sui suoi figli che il vaccino era sicuro, aveva fatto di peggio. Aveva promesso addirittura di vaccinarli tutti. Questo nel momento in cui qualunque medico ti diceva di lasciar perdere questo vaccino realizzato in quattro e quattr'otto e potenzialmente affatto sicuro ma di limitarsi ad usare quello tradizionale stagionale.

Dopo averci scassato la minchia con l'influenza pandemica minaccia mondiale per mesi, avete notato che adesso, sui media prostituiti ai voleri del mercato, non si parla più di influenza suina? Non dovremmo essere nel pieno del famoso picco? Non dovremmo essere tutti a letto non in piacevole compagnia ma accasciati dal virus killer?
Nessuno si chiede dove cazzo è finita la pandemia? Siamo davvero così inscimuniti dai saldi e dai recenti bagordi natalizi da non renderci conto della buggeratura che ci hanno dato? E' così difficile fare il passo successivo e chiedersi chi ci ha guadagnato e se per caso ci sono delle responsabilità governative in questo enorme spreco di denaro?
Perchè si parla di una cifra enorme: 184 milioni di euro spesi dal governo (a carico delle casse regionali) per una pandemia che non è mai arrivata. Va bene, direte voi, se la pandemia ci fosse stata il governo si sarebbe dimostrato previdente. Giustissimo. Però un conto è tenere alla salute dei cittadini e un altro firmare dei contratti capestro ad esclusivo vantaggio di quella moderna Grande Meretrice che è BigPharma. Il governo polacco, ad esempio, non ha fatto scorte di vaccini perchè non era abbastanza convinto della gravità della minaccia.

C'è un articolo pubblicato sul Fatto Quotidiano che parla dei costi italiani dell'operazione "influenza maiala" e delle milioni di dosi che sono rimaste inutilizzate e che finiranno probabilmente per andare a male. Descrive i contratti, gli accordi, i sospetti di favoritismi e soprattutto rafforza l'impressione che lo scassamento dei mesi scorsi sia stato parte di una grande operazione di marketing virale con l'aggravante di terrorismo a mezzo stampa e diffusione di notizie false e tendenziose.

Ed è qui che capisco sempre meno i miei connazionali. Quando si parla di Sanità pubblica si lamentano in continuazione che non funziona, che ci sono gli sprechi, che è tutta inefficienza, anche quando non è vero. Sempre pronti a maledire medici e infermiere se non scattano sull'attenti per ogni fisima soprattutto dei parenti dei malati.
Va bene che il popolo che ama farsi sodomizzare sempre più a fondo dai nani non saprà mai nulla di questa enorme truffa ed estorsione ai danni della Sanità pubblica, cioè di tutti noi, visto che nessun telegiornale e giornale servo gliela racconterà.
Però costerebbe troppo, a volte, tirare la cordicella e mettere in moto il cervello e farsi delle domande, anche le più semplici: "E la famosa influenza??? Ma non dovevano esserci migliaia di morti?" "I nostri soldi spesi per i vaccini dove sono finiti?"
Macchè, gli italiani non fanno e non faranno una piega.

Ciò che mi manda in bestia è che negli ospedali mancheranno i guanti di lattice e le traverse assorbenti per i letti dei vecchi perché si sono dovute pagare 24 milioni di dosi di un vaccino inutile al doppio del prezzo normale e molto probabilmente solo per colpa del conflitto di interessi della moglie di Sacconi.

P.S.2 Sono andata per curiosità, ancora, a cercare sul sito dell'antibufalaio ad honorem, Attivissimo, qualche notizia sulla bufala dell'H1N1. Nulla. Forse è solo questione di tempo. Attendo con ansia.

19 commenti:

  1. che fosse una cazzata studiata apposta per arricchire quell'industria farmaceutica si era capito da molto tempo. La cosa sconcertante è che, al di là del fatto che la stragrande maggioranza dei medici sconsigliasse di usare il vaccino, come al solito tutto è avvenuto lo stesso, senza alcun freno e senza alcun limite. Siamo arrivati a dei livelli paurosi...

    RispondiElimina
  2. Adetrax23:49

    Il picco dell'influenza è passato da un pezzo, credo che si sia verificato ancora a inizio dicembre; adesso sta praticamente finendo, ma, come si dice, passata la festa, gabbato lo santo, l'importante era acquistare le dosi e possibilmente iniettarle per completare l'opera.

    Ed è qui che capisco sempre meno i miei connazionali.

    Avresti anche ragione, ma ci sono talmente tante questioni aperte (anche molto più gravi) che è assurdo pensare che il cittadino medio (fra l'altro già parecchio occupato di suo) debba o possa occuparsi anche di tutti i tiri mancini dei politici, al massimo può protestare per i fatti più gravi sottoscrivendo delle petizioni e ricordarsi di certe cose alle elezioni, cambiando la scelta o non partecipandovi affatto qualora qualsiasi scelta fosse cattiva.

    Di casi del genere se ne dovrebbero invece occupare l'opposizione parlamentare, i giornalisti d'inchiesta, una magistratura critica (in seguito a segnalazioni di qualche organizzazione) e via dicendo.

    I cittadini possono solo arrivare al punto di applicare la soluzione vera che potrebbe essere quella di spazzare via (possibilmente con i lanciafiamme) l'80% dell'attuale Parlamento; purtroppo siamo troppo civilizzati e assuefatti per applicarla.

    In un mondo e in un paese normale, se il governo di maggioranza funzionasse, dovrebbero essere il presidente del consiglio (figuriamoci) o il ministro dell'economia e delle finanze a preoccuparsi di chiedere spiegazioni al ministro e viceministro della sanità, es.: perchè avete chiesto e pianificato questa spesa eccessiva quando in cassa non c'è o non c'era un euro (come disse Tremonti qualche mese fa) e non c'erano segnali allarmanti ?

    Ovviamente non c'è e non ci sarà alcuna reazione / risposta perchè tutti sanno benissimo i motivi di queste furbate e le approvano per ottenerne di altre.

    In effetti il problema vero è determinato dal fatto che ci sono troppe persone che portano il grembiulino, che si trovano bene nel libro paga clientelare (soldi, potere, ecc.) e che non vogliono rischiare neanche un euro di meno (parliamo di parlamentari, giornalisti televisivi e non, ecc.) solo per fare gli eroi per un giorno.

    In effetti, nell'ambito del nuovo impulso dato da Obama (che sicuramente porta il grembiulino) all'intensificazione dei rapporti ravvicinati fra USA ed Eurasia, i do ut des si sono moltiplicati a dismisura.

    In breve è in corso tutto uno scambio di servizietti tipo quello in oggetto.

    C'è la crisi economica e una possibile flessione negli utili di BigPharma ?

    E chi se ne importa, noi amichetti del cuore ti compriamo centinaia di milioni di dosi di un paio di vaccini preparati frettolosamente e forse malignamente, così tu "BigPharma" ti rifai dell'anno "nero" (per modo di dire) prima che questo finisca (notare che i servizietti li hanno fatti quasi tutti i paesi europei).

    In cambio io USA ti apro un po' di porte nel mercato automobilistico ed immobiliare, mentre tu continui a farmi i servizietti in Afghanistan e collabori in molte altre forme.

    Tutta questa aumentata collaborazione potrebbe indicare che l'NWO è sempre più vicino e che "stanno lavorando per noi".

    Da ricordare poi che i concetti di bene e male sono senz'altro considerati opinabili se non addirittura obsoleti da chi è abbastanza in alto nelle piramidine ed è questo il maggiore punto debole dell'attuale sistema di potere.

    Per ora non si nota alcun segnale di dissenso dai giornalisti d'inchiesta, es. Report (ma bisognerà aspettare qualche mese ancora prima di preoccuparsi), anche perchè forse gli sarà stato spiegato di tenersi alla larga dalle situazioni troppo calde.

    RispondiElimina
  3. gli ospedali chiudono, quei pochi aperti sono privi di personale (intendo infermieri, di medici purtroppo siamo pieni, dico purtroppo perché mi riferisco a quelli che lavoreranno in ospedale, i più fortunati o raccomandati insomma, quelli che non sanno fare un'iniezione ma manco una diagnosi.. anche se per fortuna in molti hanno detto no a questa czta di vaccino) ma potrei andare avanti ore con il disastro sulla sanità italiana che sperimento sulla pelle regolarmente, evito però tanto lo sanno tutti quelli come me.
    l'influenza? da mo che è passata, e da mo che si sapeva la storia del business farmaceutico, non solo di vaccini (che spero verranno inviati a chi ne ha bisogno prima che scadano.. ma pare siano inutili pure prima di scadere), il vero business è stato anche quello dei prodotti disinfettanti, di cui si sono riempite le farmacie, magari prive di un contenitore sterile per le urine!
    cara lame gli "italiani" insieme a dimostrare la loro incazzatura li vedrai solo nel caso di una tessera per una squadra di calcio, e sennò non succederebbero queste cose! qui in calabria chiudono quei pochi ospedali che c'erano, più a sud le donne partoriscono ancora con l'acqua minerale perché stanno peggio di villaggi africani.. eppure pare costruiranno un ponte, altro che vaccini, vedrai pure lì quanti soldi hanno già sfilato e toglieranno inutilmente.. e magari finissero nel cesso (sarebbe una soddisfazione a quel punto), il problema è che finiscono sempre nelle stesse tasche

    RispondiElimina
  4. Condivido al 100% quello che dici. Ma, giusto perchè "mal comune mezzo gaudio", volevo dirti che per esempio anche in Francia (nazione a cui sono "interessato" per motivi familiari) sono nella stessa medesima situazione. Addirittura credo che la Francia sia la nazione che ha acquistato più vaccini di tutti ...

    RispondiElimina
  5. Amichetta12:57

    Papera, mettigli un link all'Attivissimo. Così ti vede e magari risponde. Oppure no... il che sarebbe significativo.
    ;-)

    PS Preciso che per una volta la colpa degli USA è limitata: il contratto col governo lo ha fatto la Novartis che fabbrica il vaccino a Siena. Pastette casalinghe, insomma.

    RispondiElimina
  6. Anonimo13:21

    Cari tutti,
    di tutti i film mai visti questo è il più tragico... perchè si tratta della realtà.

    la realtà che (non) conosciamo.
    L'informazione è tenuta sotto controllo ma internet è libero ed è per questo che siamo riusciti a conoscere

    http://www.zeitgeistmovie.com/dloads.htm

    un documentario alla portata di tutti che descrive la nostra società senza censurare quelle verità che ci allontanerebbero dal nostro essere ingenui.

    Trovate un paio d'ore per guardarlo. E' importante conoscerne i contenuti per non essere soggiogati, schiavizzati dal sistema.

    RispondiElimina
  7. Amadiro14:36

    Magari fosse una semplice bufala. Mi sembra che ci siano gli estremi per parlare di corruzione, abuso d'ufficio e truffa ai danni dello stato, quindi penso che sia più materia per Marco Travaglio che per Paolo Attivisimmo.

    RispondiElimina
  8. condivido il pezzo. A pensar male si potrebbe dire che la stampa ha pompato una possibile emergenza, il Governo si è sentito autorizzato a sottoscrivere ricchi contratti e la gente ha subito l'ennesima fregatura. Dietro il motto "con la salute non si scherza", si può nascondere l'opportunismo più vile. Spero che nessuno dei nostri governanti abbia agito in malafede. Hanno preso un granchio e ora tutti stanno zitti perché sanno d'aver fatto una bella cazzata

    RispondiElimina
  9. Adetrax20:49

    @Oliviero

    Addirittura credo che la Francia sia la nazione che ha acquistato più vaccini di tutti ...

    Infatti, probabilmente dipende dalla quantità di "grembiulini" presenti, poi per altre cose si sa che non tutti sono uguali.

    @Amichetta
    Preciso che per una volta la colpa degli USA è limitata: il contratto col governo lo ha fatto la Novartis che fabbrica il vaccino a Siena. Pastette casalinghe, insomma.

    D'accordo, ma quella è solo una filiale italiana e la multinazionale svizzera Novartis è presente in 191 paesi nel mondo.

    In ogni caso bisogna sempre guardare in alto, ovvero ai cervelli che hanno deciso e pianificato questa campagna generale in tutto il mondo, la Novartis è solo una delle tante compagnie che si sono pappate la loro bella fetta di torta.

    Negli USA, il governo ha ordinato 251 milioni di dosi su 305 milioni di persone (e forse ne ordinerà ancora), ovvero con una copertura dell'82%, in Italia 48 milioni su 60 milioni di persone con una copertura dell'80% e 40% nel caso ci si fermasse a 24 milioni di dosi; non sono numeri casuali.

    @Lameduck
    Riguardo al numero di dosi si era addirittura parlato di 48 milioni di dosi ordinate a due fornitori (non per niente Fazio aveva accennato al fatto che per molti e soprattutto ai più piccoli potevano essere necessarie due dosi - un ragionamento malato se mi posso permettere).

    Non conosco i dettagli e quindi non so se questo numero di 48 milioni sia vero e/o sia riferito ai quantitativi totali previsti negli ordini ipotizzati dagli accordi fatti (totale che a questo punto si spera non sarà mai ordinato/confermato) o se alla fine ci si sia fermati al pagamento di soli 24 milioni di dosi per ovvii motivi (però ho la sensazione che prima o poi, in qualche altro modo, pagheranno anche il resto).

    P.S.
    Almeno la furbata di far pagare la crisi a noi (magari rimettendoci in salute) non è riuscita al 100%.

    RispondiElimina
  10. Andrea Gallo23:59

    @Lameduck

    Sei italiana? e allora perchè invece di lamentarti non esci di casa domani mattina e ti incateni al cancello del primo giornale o ministero che hai vicinoa casa per protestare?

    Ho sempre detestato gli italiani che criticano e poi non fanno. Un vero modo di essere "italiani"...

    Parti, fai il primo passo, e poi vediamo chi ti segue. Secondo me, moltissimi. E allora esploderebbe un caso.

    Forse non aderirebbe nessuno alla protesta, e allora potresti scrivere, questa volta a ragione, il tuo bel post all'italiana di critica deli italiani...

    RispondiElimina
  11. un paio di sere fa parlavo con un medico di un importante ospedale della mia città: su 480 medici si sono vaccinati in due!!!
    Ma quando ho scritto cose simili alle tue in pieno battage pandemico erano davvero pochi quelli disposti a darmi retta: ammettiamolo hanno fatto bene il loro sporco lavoro.

    RispondiElimina
  12. Come "gli italiani non fanno una piega"? Sono piegati da anni, esattamente a 90° sul divano, armati di telecomando, bocca aperta e occhi a palla.

    Peccato che ogni tot. anni si alzino per andare a votare l'imbonitore mediatico di turno.

    RispondiElimina
  13. @ gallo: e tu? scrivere in un blog e denunciare qualcosa non è una lamentela, ma è una protesta (forse il più alto significato questa parola lo raggiunge proprio in rete, tanto che vogliono poter censurare come in cina) poi non lo sai che in italia ti ammazzano se sei da solo ad incatenarti? e quando sei morto come protesti? se io mi incatenassi in quanti protesterebbero con me se tutti mi vivrebbero come una fiction assuefatti come sono dalle tv? gli "itagliani" sono aggregati solo come giustamente dice altero (a cui ricordo che ci stanno dagli anni 80 piegati su un divano).
    @riccardo gavioso: se dici qualcosa di vero qui ti marchiano subito come complottista, ma tu non smettere di dire le cose che dici, ad esempio è una realtà che bisogna essere amici di un medico per saperne un po', sennò manco loro ammettono qualche verità, nonostante non si siano vaccinati per primi..
    "ma non so, decida lei se vuole fare il vaccino, non so dirle se è proprio il caso di evitare, forse potrebbe ma prima facciamo alcune analisi.." insomma tante le cose inutili che hanno detto ai pazienti terrorizzati, ai genitori di bambini malati soprattutto ma uno su 1000 ha detto subito: no, lasci perdere è una bufala! .. e lo sapevano

    RispondiElimina
  14. piu' che incatenarsi troverei piu' utile gettare la tv dalla finestra e i giornali farli a strisce per pulircisi il culo.
    ne salva piu' l'ignoranza che la prevenzione !!!

    RispondiElimina
  15. Andrea Gallo00:52

    @ Blindsight

    Lamentarci, protestare, lamentarci protestando o protestare lamentandoci non serve più a un CAZZO in questo paese dominato da un regime mafioso piduista.

    Spero di essermi fatto capire.

    Apprezzo il blogger, anche Lameduck, ma dalle parole si deve passare all'azione.

    Lameduck, fai una prova, sperimentiamo un flash mob, incateniamoci in 200, io ci sarò!

    Se poi saremo in 4, allora scriviamolo pure un post sugli "itagliani" rincoglioniti che non fanno una piega.

    Ma non è così, al V-day hanno fatto una piega milioni di persone. Ora dal perbenismo ammiccante da Masaniello di Grillo, passiamo a cose serie.

    Gandhi. Avete mai sentito il suo nome? Ha mandato affanculo gli Inglesi senza sparare neanche un colpo... è ora di unirsi, è ora di passare ai fatti.

    RispondiElimina
  16. @ gallo: spiegato benissimo, avevo già capito prima, sono solo cieca non scema.. condivido ma penso che, anche se è bello il tuo pensiero, purtroppo appartiene ad ideali di chi non conosce la realtà delle cose.
    gandhi poté agire "pacificamente" perché non stava in itaglia, periferia del vaticano, pensaci!
    una lamentela poi è una cosa, una protesta è un'altra: ecco, bisogna saper distinguere per aggregarsi, altrimenti si fa solo gregge, è il cane pastore (o pastore tedesco..) comanderà sempre

    RispondiElimina
  17. Paolo12:25

    ah ah ah Bravo Gallo, o si rifà l'Italia o si muore. O RIVOLUZIONE o SUICIDIO DI MASSA.

    RispondiElimina
  18. Non è che l'influenza o peggio la pandemia e il suo picco siano passati è che non c'è mai stata.
    Ma soprattutto non ci saranno più le centinaia di milioni di euro che potevano trovare una collocazione sanitaria decisamente migliore.
    Ma intanto il popolo televisivo (la maggioranza) non ne saprà più nulla e continuerà ad imprecare sulla sanità pubblica che non funziona senza un briciolo di coscienza critica.
    S.

    RispondiElimina
  19. Paolo17:46

    dai Gallo, scherzavo. Ma come si fa a parlare di Gandhi in un paese come l'Italia dove la gente è sempre a pancia piena? dove anche il più sfigato mangia almeno 3 o 4 volte al giorno, quando no si abbuffa di panettone. Senza contare l'auto (SUV baturalnete) il cellula, la settimana bianca, al mare, la musica, lo sballo oohhh Gallo, ma ci pensi a queste cose? Tu credi veramente di potervi rinunciare? Chiunque ci consenta di continuare a vivere allegramente è sempre il benvenuto, rosso o nero che sia, credimi. Nell'india di gandhi (non credo sia cambiata di molto) non si mangiava quasi, il 90 % della gente non aveva na casa, viveva per strada... Figurati. Ciao

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...