sabato 21 giugno 2008

Il Corriere dello Shock

Due anni fa, sul vecchio blog, mi lamentavo dell'uso lascivo da parte delle redazioni dei giornali online (e non solo) della parola SHOCK. In cuor mio speravo che si trattasse di un vezzo passeggero, di una moda nefanda che per fortuna dura solo un'estate, come le clic-clac. Qualcuno se le ricorda? Le palline che ci pestavano le dita e trapanavano le orecchie con il loro sbatacchiare infernale?
Invece non è cambiato nulla, anzi. La brutta abitudine di infilare lo shock dappertutto, anche dove non ci azzecca proprio, persiste.
L'altra domenica mi lamentavo delle parole insopportabili. Ecco, tra FILIERA, SISTEMA PAESE e SHOCK usato a sproposito penso che sarebbe una gara dura scegliere.

L'aggettivo compare in tre versioni, per non farci mancar nulla: l'inglese SHOCK, il francese CHOC e in alcuni casi il tedesco SCHOCK.
Due anni fa sembrava essere soprattutto il Corriere della Sera ad amare questa parola infestante, questa piattola verbale. Ormai però l'invasione ha completato la sua agenda e lo shock regna trionfante in tutte le redazioni, da La Repubblica all'Eco del Chisone.
Ho fatto una veloce ricerca sul motore interno di Repubblica ed ecco i risultati delle volte che il termine è comparso nei titoli e nei pezzi del giornale, dal 1984 ad oggi:
SHOCK = 6.442
SCHOCK = 51
CHOC = 11.581

Un giornalismo sempre più sensazionalistico per se non può che abusare di un parola che scuote e paralizza allo stesso tempo. Non solo le immagini e i video sono inevitabilmente shock ma anche le sentenze, le dichiarazioni, le campagne, gli annunci. Come se veramente riuscissimo ancora a stupirci di qualcosa. Ecco solo un minimo florilegio di titoli schock-muniti:

"Stupro, sentenza choc: Cassazione divisa"
"Da Londra campagna choc contro il fumo"
"Foto choc del feto di Jennifer"
"Che choc diventare Lara Croft!"
"Polemiche sul video-choc di Cannavaro"
"Processo choc in Germania: il cannibale confessa"
"Tarantino choc: sì alla violenza estrema"
"Annuncio choc: impiantato un embrione clonato"
"In Stazione i video choc di John Bock" (qui c'è scappata pure la rima)
"Tiro al bersaglio sui civili, clip choc dall'Iraq" (qui si rischia la slogatura della lingua)
"Bellucci choc al Festival delle nostre paure"
"Di Michele choc, canta una giovane kamikaze"
"Choc e timore», pioggia di missili su Bagdad" (traduzione di Shock and Awe)
"Ipotesi-choc sul Kursk: colpito da siluro Usa"

La famosa opera con i bambini impiccati dell'artista Cattelan ha prodotto addirittura una saga:
"Opera-choc in piazza XXIV Maggio"
"Opera choc di Cattelan, le reazioni"
"Cade dall'albero per rimuovere l'opera-choc"

Le ultimissime:

"Gara choc in classe per lo studente più 'dotato'"
"Zalayeta choc: ginocchio rotto dovrà operarsi, stagione finita"
"Puglia, un primato choc si scava anche nei parchi" (dallo shock è morta la punteggiatura)
"Quadro choc, Fallaci decapitata"
"La bambina e il panettiere sposato fuga d' amore shock a Monreale" (e chiamala fuitina!)
"Cherie e la bandana «Fu un vero choc»" (non aveva ancora visto il panama)
"A Tradate la spazzatura trabocca dai palazzi: installazione-shock per non finire come Napoli"

And the Oscar goes to:

"Il 'contro-shock' del governatore". (Bassolino)

A questo punto uno potrebbe rinverdire il mito delle clic clac utilizzando i propri cabbasisi al posto delle palline.
Il colmo è che a volte riescono ad utilizzare la parola in modo appropriato:
"I tre militari morti per choc termico".
Finalmente uno choc al posto giusto, ma forse si è trattato di un refuso.

12 commenti:

  1. Salazar22:51

    Che ne dici di “emergenza”? Vale di più o di meno di shock?
    59.965 su Repubblica

    RispondiElimina
  2. diabolicoMarco23:13

    altra parola piattola che non sopporto è "bufera".
    Se la trovi in accoppiata con shock fai ambo.

    :D

    RispondiElimina
  3. « "Shock e sgomento" (Shock and awe) sono azioni che generano paure, pericoli e distruzione incomprensibili per la popolazione, per elementi/settori specifici della società che pone la minaccia, o per i leader. La natura, sotto forma di tornado, uragani, terremoti, inondazioni, incendi incontrollati, carestie ed epidemie, può generare "Shock and awe". »

    (Shock and awe: Achieving Rapid Dominance (Shock and awe: come ottenere rapidamente il predominio), la dottrina militare per la guerra d'Iraq.

    (da wikipedia)

    RispondiElimina
  4. @ antonio
    dunque: i pantaloni firmati li fanno in Cina (forse senza trojan), quelli da poco per chi non si può permettere i firmati li fanno sempre in Cina. Anche nel Made in Italy comunque non si distingue più tra vero e falso. Leggi il capitolo di "Gomorra" sull'alta moda...

    RispondiElimina
  5. Adetrax10:38

    Gli articoli sono scritti da qualcuno, sarebbe interessante una statistica per rilevare chi usa piu' spesso quel termine, la distribuzione statistica per sesso, eta', lingue straniere conosciute, ecc.

    In ogni caso la parola shock e' come un piccolo elettro-shock che aiuta l'evidenziazione di una notizia; per molti giornalisti questa e' una tentazione troppo forte per resistergli.

    RispondiElimina
  6. Panty10:41

    Шок — состояние общей подавленности нервных функций, дыхания и сердцебиения, развивающиеся острым образом в зависимости от сотрясения тела и нередко переходящие непосредственно в смерть.

    ショック
    出典: フリー百科事典『ウィキペディア(Wikipedia)』
    移動: ナビゲーション, 検索
    Disambiguation

    この項目では疾患・症候としてのショックについて説明しています。

    * 経済のショックについてはショック (経済)をご覧ください。
    * 堂本光一主演のミュージカルについてはSHOCKをご覧ください。
    * 自動車の緩衝装置についてはショックアブソーバーをご覧ください。
    Chiaro,no?
    Chi non riesce a leggere,abiliti le lingue.

    RispondiElimina
  7. Una statistica interessante sarebbe anche quella della distribuzione dei titoli con shock/choc/schok nel corso degli anni, per vedere quando hanno iniziato a diventare ossessivi

    RispondiElimina
  8. Si, in effetti viene usato a sproposito.
    Comunque il più eclatante e brutto anche da leggere, rimane, a mio parere, "La bambina e il panettiere sposato fuga d' amore shock a Monreale".
    Mah...

    RispondiElimina
  9. un post schkiocckkante ;-)

    RispondiElimina
  10. ottimo post a difesa della nostra bistrattata lingua violentata da un rilevante numero di shoccki.

    buona domenica

    RispondiElimina
  11. Salazar20:05

    Un’altra parola che trovo parecchio shockante é “berlusconi”.
    89.619 su Repubblica a partire dal 11 aprile 1984, a pagina 6.
    Un numero di pagina per niente minaccioso.

    RispondiElimina
  12. @ salazar
    mi hanno fatto notare anche "andare in tilt".

    @ diabolicomarco
    "E bufera dopo l'emnergenza-shock".

    @ zapatos
    quindi anche dal punto di vista mediatico. l'11 settembre è stato l'evento shock and awe per eccellenza.

    @ adetrax
    la parola chiave è sensazionalismo.

    @ panty
    hai dimenticato il farsi.

    @ skeight
    è un fenomeno che data da una decina d'anni. La massima concentrazione è recente.

    @ alfa
    sono d'accordo con te. Teribbbile!

    @ salazar
    i sottotitoli ai discorsi di Berlusconi sono alla pagina 666 di televideo.

    @ riccardo
    povera lingua

    @ raser
    con qualche k in più... ;-)

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...