mercoledì 4 novembre 2009

Bugiardini e bugiardoni

Oh, se ne vedono e sentono cose in queste serate al TG1 che voi italiani non potreste nemmeno immaginare.
Flaconi di Amuchina ammucchiati sui bastioni delle farmacie, ragazzini in fiamme per la febbre nelle astanterie degli ospedali; poveri innocenti impuberi usati come testimonials involontari ed occulti di noti antipiretici che cominciano per Tachi e finiscono per pirina.

Tutto questo per celebrare la grande PsyOp (operazione psicologica) messa in piedi da Big Pharma per piazzare diversi milioni di dosi di un vaccino approntato in fretta e furia dopo che in Messico c'era stata, mesi fa, una provvidenziale moria per una volta non attribuibile ai cartelli della droga che lasciano cadaveri decapitati per strada ma alla sporcizia ed al degrado di alcuni allevamenti suini che avevano favorito lo sviluppo di un nuovo ceppo virale. Virus influenzale passato dai porci agli uomini, apriti cielo! Pandemia in arrivo sul primo binario.

Giova ricordarlo. La peste in Europa dilagò nei secoli passati perchè eravamo degli zozzoni e vivevamo in ambienti di assoluta lordura. Leggere il famoso "Profumo" di Suskind, che si riferisce ad un'epoca più tarda e quindi evoluta, il Settecento, per averne una vaga idea.
La famigerata Spagnola del 1918 dilagò soprattutto a causa della guerra, della malnutrizione e della scarsa igiene. Una miscela esplosiva.
L'ultima vera pandemia influenzale risale al 1968-1969. Dopodichè siamo morti più che altro per la paura di morire d'influenza.

Ai giorni nostri, alle nostre latitudini popolate di supernutriti, ipervitaminizzati e lavati e disinfettati in ammollo con schiuma frenata, parlare di pandemia fa un po' ridere.
Eppure i media, senza i quali la PsyOp sarebbe irrealizzabile, ormai da mesi ci stanno triturando i coglioni con la necessità di vaccinarsi, soprattutto le "categorie a rischio" per evitare tre giorni di assenza dal lavoro che potrebbero mettere in ginocchio il "sistema paese".

La definirei una campagna propagandistica, un'operazione psicologica ad elastico. Prima si spaventa la gente, poi la si rassicura. E' un'influenzucola. Però tutti i bambini devono essere vaccinati. No, i bambini non è necessario vaccinarli.
Questo tira e molla non fa altro che accrescere l'ansia ed il sospetto che le autorità stiano minimizzando l'entità del contagio, quindi è meglio correre a vaccinarsi.
Capito come funziona?
Nessuno pensa che non vi sono e non potrebbero esservi mai abbastanza dosi per tutti, per alcuna pandemia. Se veramente arrivasse un'influenza con i controfiocchi a lutto, non rimarrebbe che sperare di essere tra i monatti che vanno a recuperare gli sfortunati che "non ce l'hanno fatta", come dicono al TG. I vaccini sono un bisinissi volutamente limitato ad una fetta di popolazione.

Ogni anno abbiamo qualche decina di migliaia di morti per malattie respiratorie. In questi giorni ci sono diversi morti, certo, ma nessuna prova che siano tutti dovuti al virus A e quindi alla pandemia. Infatti i media ammettono sempre che erano persone affette da patologie pregresse gravi.
Non vi è certezza prima di tutto perchè non si sa se il tampone venga eseguito su tutti i malati.
Se vi sono milioni di dosi di vaccino devono esserci anche i tamponi per il Test per la positività al virus H1N1, non è così? Preoccupa sinceramente sentire dei medici dire: "Non abbiamo fatto il test ma sicuramente il decesso è avvenuto per l'H1N1". L'ipotesi nulla si rivolta nella tomba.

La novità di quest'anno, nel bombardamento mediatico, oltre al solito vaccino ed agli antivirali - farmaci assolutamente inutili, a parte forse solo l'Aciclovir per gli herpes e soprattutto costosi, è che basta lavarsi le mani (e i produttori di disinfettanti se le fregano, le mani). Poi ci sono le mascherine, con il turbo o senza, i gel e tutto ciò che ingrassa il farmacista.

Il vaccino, soprattutto. Apprendiamo che i medici, i primi che dovrebbero in teoria spararselo nel deltoide, per la maggior parte - se mi scusate il termine - vanno in culo e lo rifiutano. Già un dubbio ci viene.
Quando poi altri medici, evidentemente della categoria che arriva a chiedere 60 euro ad una mamma iperansiosa per vaccinare il bambino vanno in TV a giurare e spergiurare sulle teste dei loro figli che il vaccino è sicuro, che chi è contro il vaccino non sa cosa dice, che mi possa cadere un occhio nel lavandino se questo vaccino non è ultrastramegasicuro, allora i dubbi non si contano più.

Cosa c'è di meglio del bugiardino per conoscere da vicino un farmaco o un qualsiasi altro intruglio di BigPharma? Il sito dell'EMEA (Agenzia Europea del Farmaco) ci offre il foglio illustrativo del Focetria, l'ultima creatura vaccinale contro il terribilissimo e fantomatico più di Bin Laden H1N1.
In TV ci raccomandano di vaccinare le donne incinte. Ma quali, quelle incinte solo un po', agli inizi quindi nel periodo più a rischio di eventuali malformazioni, oppure quelle che hanno la pancia già pronta ad esplodere?
Leggiamo il bugiardino:
Gravidanza e allattamento
Informi il medico in caso sospetti di essere incinta o programmi una gravidanza. Deve consultare il medico relativamente alla possibilità di ricevere Focetria.
Il vaccino può essere usato durante l’allattamento.
Detto che è dai tempi del talidomide che BigPharma si para il culone raccomandando di non dare alle donne gravide nemmeno una zigulì, sembra che qualche precauzione sia necessaria da parte di chi è in stato interessante. Il tono è quanto meno quello dei cartelli che si leggono nei reparti di radiologia.

Quali effetti collaterali potrebbero derivare dall'utilizzo del vaccino? A parte le solite reazioni allergiche dovute soprattutto ai vari eccipienti, alle proteine dell'uovo, eccetera, sono contemplate, seppur raramente, le seguenti estreme reazioni avverse:
Vasculite (infiammazione dei vasi sanguigni che può causare eruzioni cutanee, dolori alle articolazioni e problemi renali), disturbi neurologici, come encefalomielite (infiammazione del sistema nervoso centrale), neurite (infiammazione dei nervi) e una forma di paralisi nota come sindrome di Guillain-Barré.
Insomma, è sicuro un vaccino realizzato in così breve tempo ed in assenza di studi di follow-up, quelli che evidenziano eventuali tossicità a medio e lungo termine? Non lo sappiamo perchè le autorizzazioni per la messa sul mercato di questo e degli altri vaccini contro l'H1N1 sono state rilasciate un po' troppo alla svelta, secondo alcuni.
Tanta fretta potrebbe nascondere grossi interessi. 24 milioni di dosi acquistate dal governo italiano da una multinazionale del farmaco grazie ad un contratto molto chiacchierato fanno una bella cifra. Peccato che nessuno la conosca. Ecco perchè la Corte dei Conti vuole vederci chiaro.

La saga continua...

17 commenti:

  1. Amadiro23:53

    Stasera al TG1 hanno detto che i medici che rifiutano il vaccino "predicano bene e razzolano male"!

    sono basito

    La prossima che sarà rinviato un evento diranno che ""Ne di Venere ne di Marte non ci si sposa e non si parte"

    RispondiElimina
  2. Anonimo00:03

    poi ci venderanno li ansiolitici.
    Così fanno bingo. Veramente stanno facendo terrorismo e disinformazione e ci dicono anche che la televisione non condiziona.

    Prim

    RispondiElimina
  3. Cara Lame,
    questo post è pane per i miei denti in quanto sono "dell'ambiente".
    Io di sicuro non mi vaccinerò nonostante appartenga ad una delle categorie che se si ammalano bloccano il paese.(?)
    D'altronde la media delle vaccinazioni tout court nei medici non arriva al 15% e per questa, in particolare, non si arriva neppure al 10%.
    Ho interpellato anche parecchi virologi,immunologi e batteriologi che conosco personalemente e la risposta è stata univoca: col c...o che mi vaccino.
    Inoltre di questo particolare vaccino abbiamo pochissimi studi protratti nel tempo, nessun followup sul breve e medio periodo.
    Questa campagna di pseudo-informazione omette di dire che ogni anno in Italia ci sono circa 10.000 morti per normali influenze stagionali, omette di segnalare reazioni avverse più o meno gravi che a noi, per contro, stanno già cominciando ad arrivare, omette di dire quanto ci costerà non solo il vaccino in quanto tale, ma il costo totale dell'operazione comprensivo di errati accessi al pronto soccorso, di soldi già spesi per l'obbligo di attrezzare gli ospedali a ricevere migliaia di malati che non ci saranno.
    Quanto costerà, infine, di mancata assistenza su altre patologie perchè il personale è impegnato a correre dietro alle ubbie delle persone instillate da un'informazione al limite del delinquenziale?
    Inoltre il tampone per verificare la natura del virus, sempre che venga fatto, ha comunque una percentuale di false positività o false negatività.
    Per ultima cosa vorrei far presente che se, nella malaugurata ipotesi, il virus dovesse mutare (e questo potrebbe essere sul serio un problema) questo vaccino non servirà a nulla; sarà come acqua fresca.
    In quel caso che facciamo? ricominciamo la rumba con un nuovo vaccino che ingrossi le tasche già belle gonfie delle case farmaceutiche?
    Grazie per aver accolto questo lungo sfogo.
    Ciao
    Silvana

    RispondiElimina
  4. tjorven05:55

    Io sono per i vaccini ad oltranza (faccio quello dell'influenza da 10 anni)... essere contro le vaccinazioni è un po' una moda da veganiani che consiglio di andare a spiegare (e ce ne sono tanti) ha chi ha addosso i segni della poliomelite... con questa premessa però non posso non sottoscrivere l'imbarazzo con cui si guardano i telegiornali le mascherine l'amuchina (in pratica varichina non puzzolente ma che costa 30 volte di più)... e i medici del pronto soccorso che si lamentano... loro si lamentano sempre per il troppo lavoro...

    RispondiElimina
  5. qui c'e' molta carne al fuoco
    http://www.thelivingspirits.net/php/articolo.php?lingua=ita&id_articolo=192&id_categoria=14&id_sottocategoria=63

    RispondiElimina
  6. beh, io ieri ho sentito al mio tg regionale più o meno questa notizia:
    "La situazione dell'influenza è sotto controllo in Toscana, però sono morti un bambino di 6 anni e un ragazzo di 14 di meningite".

    D'altra parte capisco anche i giornalisti: è sempre stato un mio sogno quello di poter dire la fatidica frase
    PRIMA LE DONNE (IN CINTA...) E I BAMBINI.

    RispondiElimina
  7. sarò un complottista, ma secondo me dovevano far fuori i vaccini per l'aviaria e si sono inventati la suina...

    RispondiElimina
  8. Conviene anche ricordare che il nostro ministro della Salute (!), l'on. di lungo corso craxista riconvertito alla socialità forzista Maurizio Sacconi è - casualmente, ovviamente - il coniuge del Direttore generale di Federfarma.

    Tanto non basterebbe naturalmente a far sorgere neppure il vago sospetto di un conflitto di interessi, anche se parlando del vaccino anti N1H1 parliamo di milioni e milioni di euro. Il passato craxista del Sacconi ci rassicura, su questo punto.

    Ma mi domado: la sera, quando si ritrovano attorno al desco, i coniugi Sacconi di cosa parleranno?

    RispondiElimina
  9. Personalmente non farò nulla. Se beccherò l'influenza..mi curerò e tutto finirà lì. Da sempre soffro di allergie varie;ho preso tonnellate di antistaminici, poi un giorno gli ho mandati a fanculo e da allora starnutisco un pò, mi lacrimano un pò gli occhi e poi passa.
    Il problema è che ai giorni nostri se ad un bambino vengono due linee di febbre si va al pronto soccorso; quando ero piccolo io, si diceva che la febbre andava bene perchè ti faceva crescere in altezza (io ho sempre avuto febbri fortissime, 38/39 e sono alto circa 1,88 quindi...).
    Insomma, per farla breve, due starnuti non hanno mai ucciso nessuno, sono le complicanze che uccidono e quindi chi non ha patologie particolari..non rompa i coglioni negli ospedali e si prenda la tachipirina se proprio vuole.
    Che poi il vaccino sia un business questo è scontato, ogni vaccino lo è. Però devo dire che in questo caso non è stata una manovra orchestrata dal nostro gruppo di ladri al governo ma è stata un'operazione multinazionale organizzata a livello mondiale.
    a.y.s. Bibi

    RispondiElimina
  10. vanda12:51

    Sappi che il vaccino diretto ai parlamentari è privo del famigerato squalene. Non ti sorge qualche dubbio in più, Lame?

    RispondiElimina
  11. Personalmente ho interpellato il mio medico che vedo, molto fortunatamente, non più di un paio di volte all'anno, il quale mi ha comunicato di non essersi vaccinato contro l'influenza suina e di non avere alcuna intenzione di farlo, suggerendomi di comportarmi allo stesso modo.
    Quanto al lavarsi le mani, sana e buona abitudine che predichiamo ai nostri figli fin dalla più tenera infanzia - indipendentemente da vere o presunte epidemie - senza aspettare le raccomandazioni si Sacconi, sarebbe di più facile applicazione se le scuole avessero i quattrini sufficienti almeno per rifornirsi di saponette e di rotoli asciugamani.

    RispondiElimina
  12. Cara amica Lameduck,

    francamente non so se nel caso in esame hai ragione, però noto che voi della sinistra avete la tendenza a vedere complotti con una certa facilità.

    Quanto alla Corte dei Conti non mi faccio illusioni: parlano bene e razzolano malissimo.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  13. @davide
    guarda che non si tratta di politica si parla di salute ed informarsi prima di iniettarti qualcosa nelle vene e' doveroso.perche' fermarsi su cio' che ti propinano i media senza avere un minimo di dubbio?
    intanto potresti cominciare col domandarti cosa contiene questo vaccino
    "Ora, si può ritrovare l’idrossido di alluminio anche in gran parte dei vaccini. L’idrossido di alluminio é utilizzato come additivo. Un additivo é una sostanza chimica che permette di stimolare l’immunità dell’organismo al fine di aumentare la risposta immunitaria."
    «Moltiplicando le vaccinazioni aumentiamo il rischio di introdurre degli antigeni imparentati con molecole dell’organismo in cui sono stati iniettati creando così malattie autoimmuni la cui frequenza é in continuo aumento ». Prof. Louis-Claude Vincent
    http://www.youtube.com/watch?v=1o8NeJaR-Cg

    RispondiElimina
  14. È certo che l'ombra delle multinazionali farmaceutiche non aiuta un dibattito sereno, ma preferisco dare ascolto a un Garattini che, pur tra tanti distinguo, invita i "soggetti a rischio" a vaccinarsi (http://www.bergamonews.it/provincia/articolo.php?id=16949 oppure http://www.clandestinoweb.com/number-news/214071-il-clandestino-intervista-in-esclusiva-silvio-garattini-influenza-a-fughiamo-i-dubbi-sul.html) piuttosto che a un David Icke che farnetica (http://www.youtube.com/watch?v=dKpmEOzKW4M).

    RispondiElimina
  15. @ Amadiro
    Ieri sera mio padre, 91 anni compiuti ed in buona salute, mi ha detto che il suo medico vuole andare a casa a fargli il vaccino, ad uno che non ha mai preso un'influenza in vita sua. Farsi i cazzi propri no, eh?
    Non per essere maligna, ma quanto prendono i medici per ogni dose di vaccino che riescono a piazzare?

    @ Prim
    Gli ansiolitici sono merda pura, come la droga. Te li danno perchè sono "leggeri". Io ne ho assunti per anni e ne ero totalmente schiava. Ti svegli nel mezzo della notte perchè non ti ricordi se oddìo hai preso la pastiglia. Fanculo, oggi non prendo più niente e dormo come un pupo.

    @ Silvana
    ho pubblicato altro pane per i tuoi denti... ;-)
    Hai notato che al giorno d'oggi i bambini non devono più ammalarsi? Noi ci siamo fatti tutto lo spettro delle malattie infettive e, tutto sommato, abbiamo un sistema immunitario niente male.
    Non tutti i medici sono pro-vaccini, nonostante ciò che dice il TG.
    Tempo fa mi era stata richiesta la vaccinazione contro l'epatite B ma il mio medico, visto che avevo un'encefalomielite postvirale all'anamnesi me l'ha caldamente sconsigliata con questa frase: "ma sei matta?"

    Il mio pediatra, un vecchio medico d'altri tempi, che Allah lo protegga, si rifiutò sempre di farmi l'intradermoreazione alla tubercolina, la Mantoux. Mi faceva regolarmente il certificato d'esenzione. In compenso ogni sei mesi a scuola ci facevano la schermografia su quelle unità mobili che chissà quanto erano sicure. ;-)

    @ tjorven
    Non credo si possa paragonare il vaccino contro la polio con quelli contro l'influenza. La polio era una malattia potenzialmente mortale e sicuramente invalidante mentre l'influenza, a parte qualche sfortunato caso passato, è di solito malattia benigna.
    E' un discorso di valutazione del rischio: se preferisci non ammalarti di influenza ma correre il rischio di una paralisi.
    Insomma, la paralisi, uscita dalla finestra dell'antipolio, rientra dalla porta del rischio Guillain-Barrè.
    Io, personalmente, non rischio.

    @ vanda
    fosse solo lo squalene, il pericolo...

    @ albigin
    conflitto di interessi????? E che è?? ;-)

    @ davide
    "voi della sinistra".
    Traduzione:
    Davide non sa che cazzo dire e va in modalità automatica anticom.

    @ Cima
    tra Garattini e David Icke c'è anche la via di mezzo.
    Prova con Suor Teresa...
    A ripensarci, Garattini no, proprio no.

    RispondiElimina
  16. Caro amico Rossoalloso,

    ""davide
    ""guarda che non si tratta di politica si parla di salute ed informarsi prima di iniettarti qualcosa nelle vene e' doveroso.perche' fermarsi su cio' che ti propinano i media senza avere un minimo di dubbio?
    intanto potresti cominciare col domandarti cosa contiene questo vaccino""

    Probabilmente hai ragione, però non mi pongo queste domande perchè non mi ammalo mai (o quasi).

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  17. Cara amica Lameduck,

    ""@ davide
    "voi della sinistra".
    Traduzione:
    Davide non sa che cazzo dire e va in modalità automatica anticom.""

    Ho solo detto che la Corte dei Conti è il peggio che c'è in Italia.

    Ciao Davide

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...