venerdì 16 gennaio 2015

Unquirinable



Cosa può capitarci dopo Giorgio Napolitano? Secondo me, se mi permettete il pessimismo, solo qualcosa di peggiore, e non mi riferisco all'ipotesi Berlusconi. 
Questa immagine catturata in un sito di scommesse raffigura proprio le mie peggiori visioni, e mi riferisco a Draghi, Prodi e Monti. 
La Bonino, che a questo punto non sarebbe peggiore di qualsiasi tra le funzionarie piddine e non delle quali si quirinaleggia e i cui nomi gridano vendetta per inquantodonnismo, la vedo come scelta assai cinica, come perfetta presidente di transizione  - costretta a lasciare dopo poco per motivi di salute?, e sostituita proprio da un pezzo da novanta come Draghi. 

Tutto dipenderà se al comando del cacciatorpediniere Italia alla deriva metteranno un ammiraglio, un timoniere o un mozzo. Un membro dell'élite in prima persona, un suo legale rappresentante o un utile idiota di puro arredo, come ce ne sono tanti al Parlamento Europeo, infestato da trombati, stracci umidi, famigli e pupazzi da ventriloquo perfettamente intercambiabili.
In ogni caso, il prescelto sarà comunque, dal nostro punto di vista di italiani, un unquirinable, ovvero qualcuno che continuerà nel solco del predecessore a lavorare per il re di Prussia e per l'imperatore d'Occidente. Ciò sarà inevitabile, soprattutto in vista degli accordi capestro con l'Entità Imperiale, che richiederà assoluta obbedienza ed accondiscendenza da parte dei suoi proconsoli.
Se i pezzi da novanta sono quelli identificati dai bookmakers, la manovalanza degli unquirinables quirinabili è sterminata. Ecco perché si sentono estrarre i nomi da tutto il cucuzzaro consociativista possibile. Sta diventando un gioco: "Anche tu presidente".

Renzi, che mette bocca su tutto, ci mancherebbe, vorrebbe al Quirinale un grande arbitro, non a caso una delle figure meno democratiche che si possano immaginare, in quando è persona investita della capacità insindacabile di decidere del corso di una partita. Un arbitro in senso buono, corretto ed imparziale sarebbe auspicabile, certo, ma l'ipotesi che al colle salga qualcuno in grado di risollevare le sorti del paese, uno in grado di restituire la democrazia, la dignità e la rappresentatività del Parlamento, la sovranità monetaria e nazionale, espellendo i simulatori, annullando i gol irregolari da colpi di mano e interrompendo la partita per impraticabilità di campo, la vedo un'ipotesi meno probabile della nomina a presidente della Repubblica di Pierluigi Collina.



11 commenti:

  1. però c'è differenza fra i nomi di sopra.

    un Prodi o un Draghi ad esempio tenderebbero ad opporsi all'autoritarismo di renzi.

    una Bonino sarebbe invece da lui completamente manovrata. Monti e Berlusconi non hanno proprio senso d'esser quotati invece.

    un D'Alema sarebbe la scelta peggiore per Renzi.

    RispondiElimina
  2. Giuseppe12:44

    Io da qualche mese penso che la scelta sia ristretta tra un nome di alto profilo (cioè Draghi), uno di medio profilo (Prodi) e uno di basso profilo (Veltroni). Tenderei a escludere Monti (troppo sputtanato davanti all'opinione pubblica) e D'Alema.

    Poi, se fosse per me, sostituirei volentieri il novantenne Napolitano con la novantenne Ida Magli: ma è un'ipotesi probabile come il fatto che un cammello riesca prima a trovare il famoso ago nel pagliaio, e poi decida di passare per la cruna...

    RispondiElimina
  3. so' cazzi! Metteranno sicuro un'altro impresentabile che gli faccia dormire sonni tranquilli, chessò Veltroni, Amato...:-(

    RispondiElimina
  4. Secondo mè togliere Draghi, il garante Nr. 1 del euro dalla BCE non è possibile. 100% PUDE, scarica barili è utile idiota, l'uomo perfetto alla BCE per i crucchi.

    Berlusconi con il suo impero Mediaset è in conflitto di interessi ed è facilmente riccatabile. Ma è un uomo che può dare un certo fastidio. Berlusconi non è un statista nè un politico, non avrebbe mai dovuto entrare in politica.

    Gli altri 3 sono die Loser totali. No comment. Al contrario di Berlusconi che ha dato almeno da mangiare a migliaia di italiani è creato substrato fiscale, Bonino, Prodi è Monti hanno combinato un cazzo, anzi hanno prodotto solo merda secca.

    Al colla naturalmente andrà un piddino 100% PUDE che manterrà lo Status quo. Sarei positivamente stupefatto se andrà a finire diversamente

    RispondiElimina
  5. Prima dell'elezione di Napolitano il m5s aveva proposto più di un "sondaggio" sul blog per gli iscritti. Mi chiedo perchè questa volta non lo stanno rifacendo!

    RispondiElimina
  6. Perchè alla fine contano 0 ?

    RispondiElimina
  7. Prodi ha detto che ha rinunciato,draghi ha detto che dalla bce non lo schiodano(DAR),la bonino e' in chemio per 6 mesi causa tumore,credo che stavolta ci saranno sorprese,ricordate i franchi tiratori nel 2013 e la rielezione di napolitano,stavolta la situazione economica e' ancora peggiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente monti e' senatore a vita e non lo considero,berlusconi ha la severino sul groppone e quindi...

      Elimina
  8. Anonimo14:15

    E' ovvio che Amato è in pole..

    Gigi Stucchio

    RispondiElimina
  9. Anonimo05:18

    ci andra pietro gambadilegno opportunamente travestito da paperoga .

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...